Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Meno raggi per le radiografie in 3D

di
Pubblicato il: 21-02-2012
Sanihelp.it - Si tratta di un nuovo strumento radiologico, concepito dalla Società Aerospaziale francese. Il macchinario si chiama EOS ed è il primo in Italia e tra i primi in Europa che, con una quantità minore di raggi rispetto a quella impiegata per una normale radiografia (ben 8 volte meno) e fino al 90% in meno rispetto alla TAC), permette di effettuare diagnosi estremamente precise e veloci.

EOS è in funzione dall’inizio di febbraio presso l’Istituto Clinico Humanitas di Rozzano (Milano) ed è dotato di un software di post processing che consente di ricostruire lo scheletro intero in 3D, garantendo una valutazione di alta precisione delle curvature della colonna vertebrale, e uno studio degli aspetti posturali dei pazienti, difficilmente valutabili con le tecniche tradizionali.

Il dottor Luca Balzarini, responsabile dell’Unità Operativa di Radiologia Diagnostica di Humanitas, spiega: «L’utilizzo di EOS è particolarmente vantaggioso nei giovani pazienti portatori di patologie della colonna vertebrale che necessitano di un follow-up ripetuto nel tempo. Nel caso, ad esempio, di un bambino affetto da scoliosi, poter effettuare il necessario monitoraggio costante (circa ogni sei mesi) con una dose minima di radiazioni è fondamentale».

«Grazie allo speciale software di cui è dotato - spiega il dottor Maurizio Fornari, responsabile dell’Unità Operativa di Neurochirurgia di Humanitas - questo macchinario consente di ottenere una rappresentazione della colonna in 3D e di ricostruire tutte le anomalie angolari di carico che hanno interessato questa zona e quella del bacino nel corso degli anni. In questo modo è possibile non solo studiare le malattie degenerative della colonna dovute all’età medio-avanzata, ma anche risalire alle origini del problema. Si stima infatti che il 90% di queste problematiche, oggi sempre più frequenti dato l’invecchiamento della popolazione, sia espressione di un carico anomalo della colonna in fase precedente. Utilizzando EOS il neurochirurgo può quindi stabilire con estrema precisione l’entità del danno subito dal paziente e valutarne la possibile evoluzione. Avvalendosi di questa tecnologia, oltre che del sistema di neuronavigazione spinale con la TAC operatoria con O-Arm - che permette di acquisire immagini ad alta definizione dell’anatomia del paziente direttamente nella posizione operatoria e di trasferirle ad un sistema di guida informatizzata del gesto chirurgico e di successiva verifica dello stesso - è possibile intervenire in modo molto più mirato, preciso e meno invasivo per correggere la curvatura della colonna».

Il macchinario, acquisendo immagini del paziente in piedi, senza ingrandimento né distorsioni, consente di pianificare eventuali interventi chirurgici, in particolare su colonna, vertebrale, anca e ginocchio. Spiega il dottor Guido Grappiolo, responsabile dell’Unità Operativa di Chirurgia Protesica dell’Anca di Humanitas: «EOS cambia in maniera radicale il modo in cui il team di ortopedici è in grado intervenire sulle patologie muscolo-scheletriche di tutte le età, dal bambino alla persona anziana. Le immagini che fornisce consentono di effettuare interventi più precisi e personalizzati. Nel caso dell’impianto di una protesi d’anca, ad esempio, il chirurgo basandosi su immagini in scala 1:1 può definire con maggior precisione il planning operatorio e le corrette dimensioni della protesi da utilizzare. Senza, come invece accade con le normali immagini radiologiche, dover rielaborare i dati acquisiti traducendoli in scala reale.
La visione tridimensionale, inoltre, evita distorsioni e consente misurazioni reali delle deviazioni assiali degli arti, cosa impossibile con RX standard anche total body. EOS risulta pertanto utile nelle correzioni di tali anomalie (displasie) in campo sia protesico sia osteotomico (chirurgia conservativa). Infine, l’utilizzo di EOS consente la visualizzazione e correzione di eventuali mal posizioni protesiche (revisioni)».


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Istituto Clinico Humanitas

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti