Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Cervicalgia

Il collo punto debole delle top model

di
Pubblicato il: 21-02-2012

Il ko cervicale patito da Ivana Mrazova i primi giorni a Sanremo non è un caso raro tra le modelle. Colpa della postura, ma anche di stress e tensioni.

Il collo punto debole delle top model © Photos.com Sanihelp.it - Ammettiamolo: non è stato facile credere che una ragazza di soli 19 anni potesse essere messe letteralmente ko da una cervicalgia, tanto da dover ricorrere a una risonanza magnetica in ospedale e a un collare. Così la notizia dell’infortunio accaduto alla modella Ivana Mrazova alla vigilia del suo debutto sanremese non ha mancato di sollevare dubbi e scetticismo.

Tutta colpa di un problema muscolare. E a quanto pare cervicalgie di questo tipo non sarebbero rare nel mondo luccicante delle top model, particolarmente esposte alla cosiddetta verticalizzazione del rachide cervicale. In pratica la colonna vertebrale a livello del collo perde la sua naturale curvatura, come conferma il dottor Maurizio Ripani, docente di anatomia all'università Foro Italico di Roma: «La verticalizzazione del collo è diffusissima tra le modelle anche molto giovani, ne soffre il 70%. Perché normalmente la cervicale dovrebbe avere una lordosi con un angolo posteriore, invece in queste top model abbiamo un tratto rettilineo poco naturale».

Sul banco degli imputati proprio il portamento tanto apprezzato della mannequin: «Spesso le modelle utilizzano solo scarpe con tacchi vertiginosi che inducono un atteggiamento posturale non corretto» aggiunge Ripani. Del resto ormai lo sappiamo bene: indossare tacchi a spillo a lungo e spesso fa male a tutte le donne. Nel caso di Ivanka, a complicare la situazione probabilmente lo stress e le tensioni della ribalta e del debutto davanti a milioni di persone.

Ma è bastato poco perché la diciannovenne tornasse a calcare il palco della kermesse musicale come se nulla fosse. Con tempi di recupero assolutamente negli standard: « In un paio di giorni si torna in piedi» assicura infatti l’esperto. Come? «La terapia farmacologica può aiutare ma dopo la valutazione di uno specialista, opterei per delle piccole manipolazioni del collo per sciogliere i muscoli».


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Adnkronos

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti