Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Reni protetti in 10 passi

di
Pubblicato il: 28-02-2012

L'8 marzo è la Giornata Mondiale del Rene: visite gratuite nelle piazze, nelle scuole e nei centri di cura. E gli esperti ricordano 10 regole per evitare le malattie renali.

Reni protetti in 10 passi © Photos.com Sanihelp.it - Giovedì 8 marzo è la Giornata Mondiale del Rene, promossa da SIN, Società Italiana di Nefrologia e FIR, Fondazione Italiana Rene, in collaborazione con la Croce Rossa italiana e International Society of Nephrology e vanta l’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica e il Patrocinio dal Ministero della Salute.

Dedicata alla prevenzione delle malattie renali, che colpiscono cinque milioni di italiani e sono in continuo aumento, la giornata prevede numerose iniziative su tutto il territorio nazionale per sensibilizzare gli italiani a sottoporsi a una visita di controllo, che può salvare la vita.

La diagnosi precoce delle patologie renali è infatti fondamentale: i reni si ammalano senza procurare disturbi, quando iniziano i primi sintomi dolorosi la loro funzione è ridotta del 90%, quindi spesso è troppo tardi per curarli.

In Italia sono circa 13 milioni i cittadini che soffrono di patologie renali. Di questi circa 5 milioni hanno una riduzione significativa della funzione renale.  Attualmente sono in dialisi 45.000 soggetti, mentre 10 anni fa erano 37.000, con una crescita del 22%.

Sono portatori di trapianto di reni 17.000 soggetti, mentre nel 2000 erano 9.500, con una crescita del 78,9%. Cresce in particolare il trapianto di rene da vivente: più 13% rispetto allo scorso anno in base ai dati del Centro Nazionale trapianti.

In occasione della Giornata i nefrologi ricordano 10 cose importanti.

1. I reni sono organi che si possono deteriorare, spesso senza dare alcun segno o sintomo, per cui è necessario, una volta all’anno, misurare la pressione arteriosa ed effettuare l’esame delle urine. Talvolta può essere necessario anche conoscere il valore della creatinina nel sangue ed effettuare un’ecografia renale.

2. I soggetti a rischio di malattia renale sono: adulti con età superiore a 60 anni, ipertesi, diabetici, obesi, individui con familiarità per malattie renali e coloro che fanno abuso di farmaci anti-infiammatori.

3. Nella fase ultima della malattia renale (insufficienza renale terminale) gli unici rimedi sono la dialisi e/o il trapianto. Bisogna evitare di arrivare a quello stadio.

4. Si stima che oggi nel mondo 2.500.000 pazienti siano in trattamento dialitico per uremia cronica. Si calcola che oggi ci siano in Italia circa 45.000 pazienti in trattamento dialitico cronico.

5. La cause più comuni che portano all’insufficienza renale sono il diabete e l’ipertensione arteriosa non controllata. Infatti il 72% dei dializzati nel mondo sono pazienti diabetici e/o ipertesi.

6. Il diabete si complica con il danno renale in almeno il 40% dei casi.

7. La progressione del danno renale si può rallentare con l’uso di farmaci che sono dotati di azione renoprotettiva, sia perché controllano la pressione arteriosa, sia perché riducono la proteinuria.

8. Il controllo della malattia renale è fondamentale anche perché migliora la prognosi cardiovascolare (chi è malato di rene spesso soffre di malattia cardiaca).

9. Prevenire si può: curare e controllare bene il diabete e la pressione arteriosa significa bloccare l’evoluzione del danno renale verso la dialisi.

10. I nefrologi sanno come affrontare la malattia renale: affidatevi a loro!

L'8 marzo sarà possibile effettuatre rilevamento della pressione arteriosa ed esame delle urine gratuito nelle piazze di 36 città italiane e in alcune scuole. In circa 215 Centri di Nefrologia sarà possibile effettuare visite gratuite. Informazioni agli indirizzi: www.sin-italy.org e www.fondazioneitalianadelrene.org.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
SIN e Fondazione italiana del rene

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti