Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Il primo laser che elimina il bottone cellulitico

di
Pubblicato il: 15-03-2012
Sanihelp.it - Si stima che quattro donne su cinque oltre i 20 anni siano affette da cellulite. Per loro è disponibile un nuovo trattamento, Cellulaze, una tecnologia laser che permette di ottenere risultati che vanno ben oltre quelli delle metodiche disponibili fino a oggi.

È infatti la prima e unica tecnologia laser capace di agire in modo tridimensionale su tutte e tre le manifestazioni della patologia: scioglie il grasso contenuto nelle cellule adipose, rassoda e ispessisce la pelle con effetto tightening, recide termicamente i noduli fibrosi sottocutanei, eliminando i bottoni cellulitici che provocano in superficie il tipico effetto di buchini e avvallamenti.

È questa la novità: eliminare la causa che provoca la retrazione del derma verso la fascia del muscolo ed evidenzia gli avvallamenti tipici della buccia d’arancia, significa ottenere un risultato omogeneo che dura moltissimo nel tempo.

Il trattamento è solo minimamente invasivo: si serve di una cannula di piccole dimensioni che contiene la fibra ottica qualificata a veicolare l’energia termica del laser direttamente nella struttura sottocutanea, base della cellulite.

La sicurezza del trattamento è garantita da una tecnologia innovativa che rileva costantemente la temperatura per mantenere lo stato termico del trattamento in limiti sicuri e controlla il movimento del raggio evitando sovrapposizioni d’azione, per ottenere un risultato più uniforme.

Il trattamento si effettua in anestesia locale e dura meno di un’ora. Il risultato si ottiene con gradualità nei due mesi successivi alla procedura. Normalmente è sufficiente un solo trattamento. Cellulaze è già operativo a Milano, presso l’Ospedale San Raffaele e al Poliambulatorio San Pietro.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Presentazione Cellulaze

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti