Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

I grassi del buonumore

di
Pubblicato il: 15-03-2012
Sanihelp.it - Depressione, ansia e stress. Negli ultimi anni se ne sente parlare sempre più spesso. E se ne parlerà anche durante uno degli incontri organizzati dal Corriere della Sera (giovedì 15 marzo) presso la Sala Buzzati di via Balzan n. 3 a Milano.

I dati parlano chiaro e sono preoccupanti. Secondo le previsioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, nell’anno 2020 la depressione sarà la seconda causa di malattia in tutto il mondo (Italia compresa) dopo le malattie cardiovascolari.

Da sottolineare che nelle aree geografiche dove l’assunzione col cibo di omega-3 è più alta, si registra una minore incidenza epidemiologica di depressione. Un’ampia indagine epidemiologica, del resto, ha rilevato che tra le popolazioni in cui è diffuso un alto consumo di pesce, quali il Giappone e i Paesi scandinavi, si registra la più bassa percentuale mondiale di casi di depressione postparto. Parallelamente le nazioni caratterizzate da bassa presenza di pesce nella dieta, come la Germania e la Francia, riportano la maggiore incidenza di tale fenomeno.

Omega-3 che il nostro organismo non è in grado di sintetizzare e quindi devono essere assunti con l’alimentazione. Li troviamo soprattutto nel pesce (in particolare salmone, tonno, sgombro e pesce azzurro in genere), nell’olio extravergine d’oliva e nella frutta secca (noci, mandorle, nocciole e anacardi).

Pesce che andrebbe consumato 4 o 5 volte a settimana. Ma che purtroppo, a causa dell'inquinamento che ha intaccato negli ultimi anni gran parte dei mari e dei fiumi del mondo, arriva sulle nostre tavole «contaminato»: accumula infatti nei suoi grassi tutte le sostanze tossiche non solubili in acqua, come i metalli pesanti (mercurio in particolare), DDT, diossina e altri composti chimici altamente pericolosi.

L’utilizzo di integratori a base di olio di pesce può rappresentare una valida alternativa per assumere il dosaggio minimo di omega-3 attualmente consigliato (2,5 grammi di EPA + DHA).



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Report scientifico omega-3 Zone Academy

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
1 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti