Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Donne e cioccolato, amore a prima vista

di
Pubblicato il: 01-04-2004

La voglia irresistibile di cioccolato non ha solo cause neurofisiologiche: psicologicamente ricopre molti significati. A coglierli in modo più profondo sono le donne, che suddivise in quattro categorie danno il via alla cioccolato-mania.

Sanihelp.it - Avete mai sentito parlare di craving? Dietro il nome poco noto si nasconde un fenomeno diffusissimo: la voglia matta e irrefrenabile di cioccolato.
Nei paesi occidentali è in continuo aumento, tanto da raggiungere ormai un consumo pro capite di circa 7 kg all’anno.

Il cioccolato è uno degli alimenti più irresistibili e desiderati; tanto per intenderci, l’80% degli italiani lo considera il dolce più buono in assoluto. Ma qual è il segreto del suo successo?

Spesso come risposta vengono riportate argomentazioni neurofisiologiche ineccepibili: gli zuccheri semplici che contiene innalzano i livelli di serotonina determinando buonumore, il magnesio migliora le capacità di reazione dell’organismo…
Tutto corretto, ma la verità è che queste sostanze chimiche non sono in grado di determinare processi di dipendenza chimico-farmacologica, nemmeno se assunte in grandi quantità.

Eppure, chi si alza nel cuore della notte per mangiarsi l’agognata tavoletta ammetterà tra i baffi di cioccolato che non poteva farne a meno.
Non si tratta di un semplice peccato di gola, ma di una dipendenza di tipo psicologico, scatenata da particolari processi:

  1. il consumo di cioccolato viene generalmente associato a occasioni di festa, e riproduce la sensazione data da momenti positivi di emozionalità familiare.


  2. il cioccolato rappresenta la conciliazione di opposti: può essere solido e liquido, chiaro e scuro, dolce e amaro. La sua capacità di riunire in sè le contrapposizioni dà l'idea di un piacere completo e quindi più gratificante.


  3. Abbraccia significati materni di protezione, ma al tempo stesso impulsi atavici come la necessità di mordere e trarne soddisfazione. Coinvolge sfere inconsce sensoriali molto forti: per questo quando si gusta un cioccolatino si ha l'impressione di staccare da tutto il resto!


Insomma, il quadro appena accennato dipinge un alimento ricco ed equilibrato ma anche complesso e sfaccettato.
Per questo, forse, è un particolarmente vicino alle donne, che ne condividono la poliedricità.
Recenti ricerche hanno dimostrato come sia proprio il gentil sesso a trarre maggior sostegno energetico e psicologico dal cioccolato, vivendolo come un vero e proprio tonificante dell’umore sia a livello individuale che sociale.
In particolare, sono state individuate quattro tipologie di consumatrici:

  • le sportive, che nel cioccolato ricercano una carica energetica gustosa e naturale e gli attribuiscono una funzione socializzante;

  • le compensative, che ricorrono al cioccolato per ricaricarsi psicologicamente e migliorare l’umore;

  • le ablative, che vivono soprattutto l’aspetto del piacere e della socializzazione legato al cioccolato, e per gli stessi motivi amano regalarlo (una dritta: le scatole a tubo sono meno formali e più scherzose!)

  • le passionali, cioè le donne che vivono un rapporto individuale e quasi amoroso con il cioccolato, e se lo concedono come un piccolo momento privato di grande soddisfazione.


Il cioccolato insomma può essere vissuto secondo la prospettiva più vicina al proprio carattere e modo di essere.
Sia che siate frenetiche sportive o simpatiche ablative, l'importante è dare al cioccolato un valore aggiunto emozionale: è questo il segreto della cioccolato-mania!


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Redazione Sanihelp.it

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
1 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti