Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Allarme per due milioni di italiani

Ludopatia: quando giocare è un'ossessione

di
Pubblicato il: 03-04-2012

A lanciare l'allarme è il Ministero della Salute e i dati Codacons confermano: un milione di italiani è coinvolto nell'ossessione del gioco e un altro milione è a rischio. Tra questi molti giovani.

Ludopatia: quando giocare è un'ossessione © Photos.com Sanihelp.it - Gratta e vinci e slot machine: un passatempo innocuo per qualcuno, fonte di rovina per altri. C’è chi infatti, per colpa del gioco, rischia di mettere in pericolo tutto ciò che possiede, sia in termini economici sia affettivi. Si tratta di ludopatia, una vera e propria patologia, che secondo le stime del Ministero della Salute interessa circa un milione di italiani e un altro milione è a rischio. Secondo i dati del Codacons sono ben mezzo milione i giovani che potrebbero cadere in trappola.

Nel 2011 la raccolta lorda per i giochi ha sfiorato gli 80 miliardi di euro, una somma pari al 30% in più dell'anno precedente. In crescita, come riporta l'agenzia specializzata Agicos, il Lotto (+ 30%), i Gratta e Vinci (+ 9%) e slot e videolotterie (in crescita del 40%). In calo diversi giochi: Win for Life (-50%), Superenalotto (-28%) e scommesse sportive e ippiche (rispettivamente a -14% e -19%). Un vero e proprio boom è quello dei giochi on line, la cui raccolta è passata da 4,8 a 9,85 miliardi di euro. Sono 2,6 milioni gli italiani che hanno partecipato almeno una volta a giochi online con vincite in denaro, di cui 800.000 giocatori abituali.

Il ministro della salute, Renato Balduzzi, ha dichiarato che la ludopatia sarà presto considerata una malattia: «Che cosa cambia? Tutto. Ci sarà una prevenzione, un’assistenza, verranno rafforzati i servizi nelle Asl.Insomma una svolta concreta».


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Agi

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti