Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Vescica: scoperto il primo farmaco molecolare

di
Pubblicato il: 04-04-2012
Sanihelp.it - L'Istituto Nazionale dei Tumori di Milano ha presentato in occasione del meeting annuale dell'American Association for Cancer Research, un importante risultato: un farmaco molecolare, pazopanib, sarebbe in grado di ostacolare la formazione dei vasi sanguigni che alimentano il tumore della vescica, bloccandone la crescita e in alcuni casi anche riducendone la massa.

I ricercatori, grazie all’analisi compiuta sui campioni di sangue dei pazienti coinvolti nello studio, hanno dimostrato che una specifica proteina prodotta dal sistema immunitario, l'interleuchina 8, predice lo sviluppo del tumore e l'efficacia del farmaco. I pazienti che presentano un basso livello di questa molecola hanno mostrato una maggiore sopravvivenza al tumore. «Tradizionalmente - spiega Andrea Necchi, oncologo della Struttura di Oncologia medica 2 dell'Istituto Nazionale dei Tumori e responsabile del trial - la prognosi dei pazienti con tumore della vescica colpiti da ricadute o refrattari alla terapia è negativa: i pazienti, infatti, su cui cicli multipli di chemioterapia non hanno avuto successo hanno, purtroppo, una ridotta aspettativa di vita e le cure palliative rappresentano spesso il compromesso più ragionevole».

Lo studio mirava a verificare la possibile estensione del farmaco anche al tumore della vescica, vista la sua efficacia su quello del rene. «I dati che abbiamo ottenuto confermano la nostra ipotesi e riteniamo che i trattamenti anti-angiogenetici come pazopanib siano uno strumento importante tale da consentirci di ottenere risultati di rilievo in pazienti selezionati. È comunque importante sottolineare che si tratta ancora di una sperimentazione e non di una cura vera e propria per la quale saranno necessari ulteriori studi confermativi che coinvolgano un numero superiore di pazienti».


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Asca

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti