Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Prevenzione

Bella stagione: attenzione ai traumi

di
Pubblicato il: 22-05-2012

La stagione primaverile fa fioccare gli allenamenti in vista dell'estate; se non ci si muove con gradualità e accortezza, il rischio infortuni è abbastanza elevato. I consigli dell'esperto.

Bella stagione: attenzione ai traumi © Photos.com Sanihelp.it - Con l’estate ormai alle porte e complice anche la voglia di muoversi tipica del periodo primaverile, sono in molti in questa stagione a volersi rimettere in forma, praticando attività fisica. L’aumento di traumi e distorsioni registrato negli ospedali mette in guardia: sì all'allenamento ma con gradualità e con le giuste accortezze.

A raccomandare prudenza è il professor Francesco Bove, ordinario di ortopedia all’Università Sapienza di Roma e primario al reparto di Chirurgia ortopedica all'INI (Istituto Neurotraumatologico Italiano) di Grottaferrata. «Con il bel tempo c'è la tendenza a riprendere le attività sportive dopo il letargo e gli sportivi che non praticano costantemente sono i soggetti a maggior rischio di lesioni acute o croniche. Per lesioni acute intendiamo distorsioni, traumi distrattivi come le lesioni muscolari e fratture. I traumi cronici invece sono spesso legati a un’intensa attività e alla mancata osservanza delle regole dell'allenamento. Prima di iniziare una disciplina sportiva specifica come calcio e tennis, che prevedono un'esecuzione particolare, occorre una preparazione con attività generali come corsa e stretching. Serve un coordinamento dell'attività cardiaca: il cuore è un muscolo che va allenato come tutti gli altri. È importante iniziare la corsa su terreni morbidi come un prato, non tutti tollerano la rigidità del tapis roulant. L'abbigliamento deve essere leggero, lasciar traspirare il corpo, e bisogna scegliere le calzature più adatte al proprio piede». 


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Agi

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti