Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Cosa mangiare davanti alla tv

La dieta di sportivi e tifosi

di
Pubblicato il: 26-06-2012

Europei di calcio e grande caldo: è boom di frutta, pesce e cibi freschi e leggeri! Ma come non ingrassare guardando le partite in tv?

La dieta di sportivi e tifosi © Photos.com Sanihelp.it - Sono aumentati del 25% gli acquisti di frutta in una settimana, per effetto della straordinaria ondata di caldo portata in Italia dall’anticiclone africano Scipione.

Consumare frutta e verdura è la miglior difesa nei confronti dell’afa, l’eccessiva sudorazione e il rischio di colpi di calore perché sono prodotti rinfrescanti e ricchi di vitamine e sali minerali, indispensabili per non affaticare troppo l'organismo. Sono oltre 20 milioni gli italiani che sia a pranzo che a cena si difendono mangiando sempre frutta fresca.

E tra Campionato Europeo di Calcio e Giochi Olimpici di Londra, molti italiani si preparano a vivere intense settimane di sport: è  importante tenersi leggeri nelle lunghe serate sul divano. Secondo il professor Enrico Arcelli, Medico sportivo e Dietologo che ha seguito diversi sportivi lungo la sua carriera, «attenzione ad aperitivi e stuzzichini ipercalorici davanti alla televisione e via all’attività fisica all’aria aperta, approfittando della bella stagione».

«Il grosso errore è sedersi a vedere le partite con davanti a sé patatine, merendine, alcol o bibite dolci; tutti alimenti che fanno tornare in fretta l’appetito a scapito della forma fisica – spiega il professor Arcelli – Il suggerimento è preparare ricette semplici e ricche di proteine perché capaci di soddisfare la fame e mantenere a lungo il senso di sazietà. Inoltre, è bene scegliere alimenti ricchi di proteine nobili: il pesce va considerato in questo senso il più salutare.

Le varietà di pesce più ricche in omega-3, come il salmone, hanno ulteriori proprietà: questi acidi grassi sono antinfiammatori naturali, capaci di prevenire tante malattie come l’infarto, altre malattie cardiache, oltre che contribuire a mantenere giovane il cervello. I tempi di reazione degli atleti, per esempio, migliorano se ne assumono abitualmente una certa quantità».

Ecco quindi le 7 regole del medico sportivo che possono essere seguite anche da casa per restare in forma senza troppi sforzi e rinunce:

1. compiere almeno 30 minuti al giorno di attività fisica, da intensificare progressivamente se si desidera arrivare a un allenamento costante più articolato e impegnativo
2. bere almeno un litro e mezzo di acqua al giorno; liscia o, se si vuole con gas, escludendo le bevande alcoliche e quelle ricche di zucchero
3. consumare a ogni pasto principale verdure crude o bollite e frutta anche negli spuntini, escludendo il consumo di cibi grassi come quelli fritti
4. ridurre drasticamente la quantità dei cibi ricchi di carboidrati concentrati e raffinati (pane, riso, patate, pasta, ecc)
5. privilegiare cibi ricchi di proteine di valore biologico elevatissimo e di vitamine, come il salmone
6. non arrivare, mai, affamati all’inizio del’allenamento
7. dormire almeno 7-8 ore a notte per aiutare il corretto funzionamento del metabolismo e ricaricare le energie per l’allenamento.

E per la scelta di frutta e verdura, la Coldiretti ha emesso a punto un vademecum nel quale si consiglia di verificare la presenza dell'etichetta di provenienza e l’origine nazionale, di prediligere le varietà di stagione che presentano le migliori caratteristiche qualitative e il prezzo più conveniente, di preferire le produzioni e le varietà locali che garantiscono maggiore freschezza, di privilegiare gli acquisti diretti dagli agricoltori, nei mercati, nelle botteghe e nei punti vendita di Campagna amica.

Scegliere inoltre gli ortaggi e la frutta con il giusto grado di maturazione, quando sono esaltate le caratteristiche organolettiche e nutrizionali; optare per acquisti ridotti e ripetuti per garantirsi sempre l'elevato grado di freschezza ed evitare di essere costretti a buttare i prodotti eccessivamente maturati con il caldo; privilegiare il consumo di verdure crude perché con la cottura si perde parte di acqua, sali minerali e vitamine.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Redazione

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti