Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Rimedi contro il caldo: attenzione al fai da te vitaminico!

di
Pubblicato il: 03-07-2012
Sanihelp.it - Temperature bollenti e afa: queste le previsioni per i prossimi giorni. Come fare a superare quel senso di stanchezza e spossatezza tipici durante la stagione estiva? La tentazione di ricorrere a integratori vitaminici è alta, ma non bisogna farsi tentare da pubblicità a volte un po’ ingannevoli: «Numerosi studi dimostrano che persino coloro che sembrano necessitare di un maggior apporto vitaminico, come gli atleti, non devono abusare di un'integrazione di vitamine a patto che mangino frutta e verdura adeguatamente» afferma la dottoressa Elena Casiraghi, specialista in nutrizione ed integrazione dello sport.

Corretta alimentazione dunque. Che vuol dire
«Consumare una giusta quantità di frutta (meglio con buccia) e verdura (cruda o cotta, il più possibile colorata e di stagione), scegliere proteine magre in ogni pasto (in particolare pesce e carni bianche) e grassi buoni (olio extra vergine d’oliva). E poi bere tanta acqua (minimo 2 litri/die). Proprio come insegna la dieta Zona.» Ci spiega l’esperta.

E continua: «Un'integrazione di vitamine fai da te è molto pericolosa e può portare a ipervitaminosi, specialmente nel caso di eccessiva integrazione di viatamina A e D. I sintomi tipici di un’integrazione eccessiva di vitamine sono mal di testa, nausea, stitichezza, vomito, debolezza e, se protratta, ipercalcificazione delle ossa e malformazione del feto in caso di gravidanza. Per questo motivo  l'integrazione vitaminica deve essere suggerita e controllata da un medico dopo dosaggio di ciascuna vitamina. Quando ci si sente stanchi potrebbe essere invece vantaggiosa una integrazione di magnesio. É il minerale che viene speso principalmente con la contrazione muscolare e la sudorazione ed è il vero imputato della stanchezza, dei crampi muscolari, della spossatezza e di un sonno agitato. Sintomo caratterizzante della carenza di magnesio è il tremore alla palpebra dell'occhio.» Conclude la dottoressa Casiraghi «Ok dunque a una sua integrazione, specialmente prima di dormire, per garantire rilassatezza muscolare e cerebrale e, quindi, un sonno più rigenerante».

Quali integratori possono essere invece consigliati nella vita di tutti i giorni? «Gli omega 3 vanno benissimo per il cuore, l’attentività, i muscoli, le ossa, il controllo del peso e servono anche a combattere l’obesità; vengono altresì consigliati per la depressione e il controllo del tono dell’umore. Sono indispensabili per diminuire stati infiammatori e tempi di recupero negli atleti o in coloro che fanno attività sportiva con frequenza quotidiana.» Afferma la dottoressa Casiraghi «Gli omega 3 devono stare in equilibrio con gli omega 6 (di cui la dieta quotidiana già particolarmente ricca!). Perciò bisogna diffidare da integratori con omega 3 e omega 6 insieme. E attenzione a scegliere quelli di alta purezza (del tipo rx), che siano garantiti IFSOS, un controllo di qualità che serve a guidarci».

«Se poi vogliamo prevenire con la natura i danni della fatica» continua l’esperta «sono utili anche gli antiossidanti che contrastano i radicali liberi che in grande quantità possono danneggiare il DNA. Benissimo la curcuma (pigmento che dà colore al curry), le catechine del tè verde, il resveratrolo (antiossidante del vino rosso). Ma anche altri antiossidanti importanti sono contenuti in tutta la verdura e frutta violacea (pomodori, frutti di bosco, mirtilli, melanzane ecc.)».

Fra le regole, evitare comunque il fai da te. «Attenzione anche all’integrazione dei minerali: un’assunzione di integratori di calcio, per esempio, non è indispensabile sei si consuma almeno una porzione di prodotti latteo caseari al giorno.» spiega l'esperta «Affinché il calcio venga fissato al meglio nel tessuto osseo risulta poi vantaggioso, specialmente per le donne e gli anziani (che sono più a rischio di osteoporosi) una seduta a settimana di forza a corpo libero o con piccoli sovraccarichi (camminata in discesa, corsa in salita, ciclismo in salita, MTB, lavoro con  pesi, esercizi in regime isometrico ecc.)».

«Insomma un’integrazione di vitamine e di minerali non risulta vantaggiosa, specialmente nel combattere i sintomi della stanchezza, ma anzi puo' risultare addirittura dannosa e rischiosa per la salute» conclude la dottoressa Casiraghi.

Più utile invece è assicurarsi un’alimentazione varia e il più possibile naturale. Di tutto un po’ nelle giuste proporzioni.



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
dott.ssa Elena Casiraghi, specialista in nutrizione e integrazione dello sport

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti