Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Manuale antichinetosi

Mal di viaggio? Ci pensa l'omeopatia

di
Pubblicato il: 07-08-2012

Se il percorso verso la meta delle vacanze è una tortura, meglio pensarci prima. Ci sono rimedi omeopatici studiati per prevenire i disturbi da viaggio. E se nausea e vomito non danno tregua...

Mal di viaggio? Ci pensa l'omeopatia © Photos.com Sanihelp.it - È uno dei momenti meno graditi delle vacanze, soprattutto dalle mamme alle prese con bambini molto piccoli: il viaggio. Che sia in auto, traghetto o aereo, il pericolo si chiama chinetosi, cioè mal di viaggio. È provocato dai movimenti del mezzo verso l'alto e il basso oppure di rotazione, improvvisi e non prevedibili, subiti passivamente dal corpo.

A causa degli errori di connessione tra il sistema di controllo dell'equilibrio nell'orecchio interno e il cervello, compaiono sudorazione fredda, vertigini, cefalea, nausea, debolezza e brividi diffusi. Se poi il percorso prevede molte curve, brusche frenate o turbolenze, ci si può sentir male fino a vomitare.

È bene mettere in atto alcuni accorgimenti per evitare i malori: non consumare pasti abbondanti prima della partenza e fare pause ogni due ore, in cui camminare e respirare aria fresca. Se non è possibile fermarsi, cercare di sdraiarsi sui sedili cercando di far subire alla testa poche oscillazioni e, se si può, abbassare i finestrini per far arrivare l'aria.

Il rimedio omeopatico principale per la chinetosi è Cocculus 12 DH, cinque globuli tre volte al giorno, tre giorni prima della partenza per la prevenzione dei disturbi. Quando non è efficace, si può provare con Calcium carbonicum, Nux vomica o Sepia, sempre alla diluizione 12 DH (stesso dosaggio di Cocculus).

Borax 12 DH è adatto ai bambini che in viaggio soffrono molto, per esempio a causa dei vuoti d'aria dell'aereo, nelle discese ripide in automobile o durante i sobbalzi dell'autobus. Se piangono, hanno paura e si aggrappano ai genitori, si può somministrare loro cinque globuli di questo rimedio per tre volte, a intervalli di un quarto d'ora.

Contro nausea e vertigini alla nuca, è utile Petroleum 12 DH,, mentre Tabacum 12 DH (un rimedio ricavato dalle foglie di pianta del tabacco) va preso se si suda molto, si è deboli, pallidi e infreddoliti. La testa gira e viene subito la nausea e i disturbi peggiorano con il minimo movimento. Entrambi allo stesso dosaggio di Borax.

Se dopo alcune ore i sintomi ricompaiono, per tutti i rimedi si prendono cinque globuli per due volte ogni quarto d'ora.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
W. Stumpf, Omeopatia per bambini, Edizioni Tecniche Nuove

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti