Le parole pi cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Guida all'acquisto e all'utilizzo

Stop ai peli con il laser che si fa a casa

di
Pubblicato il: 21-08-2012

Sempre più diffusi i dispositivi a luce pulsata per l'epilazione domestica. Ma ci si può fidare? Gli esperti dicono sì, a patto che...

Stop ai peli con il laser che si fa a casa © Photos.com Sanihelp.it - Fino a poco tempo fa, i dispositivi a luce pulsata per la rimozione dei peli erano utilizzati solo nei saloni professionali. Oggi sono sempre più diffusi gli apparecchi da usare a casa, in tutta comodità. Negli Stati Uniti ci sono già da un paio d'anni, mentre da noi hanno cominciato a comparire sul mercato da circa un anno (tra gli altri, li propongono Philips, Braun e Imetec, dai 350,00 euro in su).

Ma sono efficaci come il trattamento nei centri professionali? E soprattutto, sono sicuri? I dispositivi presenti sul mercato, infatti, non sono tutti uguali. Gli esperti dell'Aideco (Associazione italiana dermatologia e cosmetologia) ci aiutano alla scelta del prodotto più giusto e all'utilizzo corretto.

Simile ai dispositivi laser professionali che si possono trovare negli studi dei dermatologi, quelli domestici utilizzano la tecnologia a luce pulsata IPL (Intensed Pulsed Light) per interrompere il naturale ciclo di ricrescita dei peli. Il sistema emette impulsi di luce alla base della radice del pelo, permettendo di rallentarne la ricrescita. Con un utilizzo continuo, impediscono al pelo di superare la superficie della pella donando una pelle liscia e bella.

La luce pulsata non è un vero proprio laser, ma come questo produce una forte energia che viene scaricata su specifici bersagli, in questo caso i peli superflui. La sonda (manipolo) viene appoggiata sulla superficie cutanea e poi viene azionato il meccanismo che porta alla liberazione del fascio di luce.

L’energia prodotta colpisce i peli e le strutture che li ospitano (i follicoli piliferi), concentrandosi su un bersaglio specifico che è in grado di assorbire la radiazione elettromagnetica, cioè il pigmento melanico (la sostanza che colora peli, capelli e pelle).

Quando il calore supera 70°C per un millisecondo, riesce a disgregare le proteine e interrompe o mette in pausa il ciclo di crescita del pelo. I peli rimarranno addormentati e il progressivo deterioramento del follicolo non consentirà più la loro ricrescita.

La prima cosa da verificare è identificare a quale fototipo si appartiene: appare quindi molto utile scegliere un prodotto che dia la possibilità di indagare tale parametro prima dell’acquisto (con un testo eseguibile sul punto vendita). Il trattamento è più efficace quando i peli sono scuri e la pelle chiara.

Una volta accertato di essere idonei al trattamento, si procede in quattro fasi. Si rasa l'area, per asportare la parte del fusto che sporge dalla superficie cutanea: l’energia può essere così assorbita interamente dalla melanina presente nel follicolo pilifero. Si applica uno strato spesso di gel attivatore (contenuto nella confezione), che permette di trasmettere l’impulso di luce ai peli in maniera più efficace e di tenere traccia delle aree già trattate.

È bene provvedere a un test su una piccola zona prima di procedere al trattamento di ampie aree. Se dopo 24-48 ore non sono compare reazioni negative, si può procedere con l'epilazione di grandi aree. Quelle idonee al trattamento sono zona bikini, braccia, gambe, ascelle, addome e schiena. Sul viso non è raccomandato (è bene anche non guardare direttamente il dispositivo mentre è azionato per proteggere gli occhi).

Durante la fase iniziale, si effettua il trattamento ogni due settimane per 6-12 trattamenti. In seguito si fa una volta ogni due mesi. L’epilazione tramite luce pulsata non garantisce la non ricrescita del pelo a partire dalla prima applicazione, ma solo dopo ripetuti usi. Ecco perché è necessario non scoraggiarsi!

Durante l’applicazione è possibile avvertire un lieve fastidio e pizzicore: è l’energia luminosa prodotta dallo strumento. Se compaiono rossori, secchezza o desquamazioni, si può usare un prodotto idratante e restitutivo.

Dopo, andrebbero evitati l’esposizione solare, saune, hammam, applicazione di profumi, esfolianti o peeling. È importante inoltre non trattare le zone con cicatrici, discromie o altre lesioni. Non utilizzare anche se si è abbronzati o si soffre di patologie cutanee come psoriasi, vitiligine o infiammazioni varie.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Leaflet Braun Venus Luce Pulsata

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti