Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Le donne fumatrici più a rischio di morbo di Crohn

di
Pubblicato il: 30-07-2012
Sanihelp.it - Secondo uno studio condotto presso l’Harvard Medical School e pubblicato sulla rivista American Journal of Gastroenterology gli ex fumatori sono più a rischio rispetto alle persone che non hanno mai fumato di sviluppare le malattie croniche intestinali ovvero morbo di Crohn e colite ulcerosa.

Gli autori dello studio hanno analizzato i dati relativi a circa 230000 infermiere monitorate fra il 1976 e il 1989; 144 fra le 124000 infermiere non fumatrici hanno sviluppato morbo di Crohn; mentre si sono ammalate della stessa malattia 117 donne fra le infermiere ex-fumatrici e 75 fra le infermiere fumatrici.
I ricercatori hanno tenuto conto di tutti i fattori di rischio che possono predisporre alle malattie autoimmuni come l’età, il peso, la terapia ormonale sostitutiva scoprendo che le donne fumatrici hanno il 90% di probabilità in più di sviluppare Croh, rispetto alle donne che non hanno mai fumato mentre le donne ex fumatrici hanno il 35% di probabilità in più di sviluppare Crohn rispetto alle donne che non hanno mai fumato.

Per quale motivo il fumo aumenti il rischio di sviluppare malattie autoimmuni non è ancora chiaro, ma i ricercatori tengono a sottolineare l’importanza di determinare i componenti del fumo di sigaretta che influenzano così negativamente lo sviluppo dei meccanismi autoimmuni.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Reuters Health

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti