Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Terme

Curarsi alle terme: apparato cardiovascolare

di
Pubblicato il: 04-09-2012

Grazie al contributo di Giuseppe Nappi, Professore di Terapia Medica e Medicina Termale del Centro Studi e Ricerche sulle Acque Minerali dell'Università degli Studi di Milano, vediamo i benefici sull'apparato cardiovascolare.

Sanihelp.it - Le acque più utilizzate in crenoterapia per le affezioni dell'apparato circolatorio sono le carboniche e l'anidride carbonica è l'elemento attivo principale.

Un bagno carbogassoso agevola l'apertura dei circoli arteriosi collaterali, l'attivazione capillare e la vasocostrizione venosa. Questi fenomeni comportano la riduzione delle resistenze periferiche con abbassamento della pressione arteriosa, maggior ritorno venoso al cuore, maggior afflusso e deflusso di sangue nel circolo periferico.

Nelle stazioni termali specializzate all'azione specifica dell'acqua si aggiungono idromassaggi, percorsi vascolari in acqua, ginnastica vascolare a secco e in acqua, provvedimenti posturali, contenitivi, igienici.

Le indicazioni in ambito flebologico sono rappresentate da: flebopatia ipotonica costituzionale e sindrome varicosa, sindrome post-flebitica, esiti di flebiti, distrofie cutanee da stasi venosa, esiti di safenectomia, liposclerosi.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Medicina e clinica termale, Giuseppe Nappi - Selecta Medica

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti