Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Ciliegie per prevenire le recidive della gotta

di
Pubblicato il: 04-10-2012
Sanihelp.it - Secondo uno studio condotto presso la Boston University School of Medicine e pubblicato sulla rivista Arthritis & Rheumatism mangiare ciliegie per due giorni di seguito riduce del 35% il rischio di avere un attacco di gotta, mentre assumere estratto di succo di ciliegia riduce il rischio del 45%.

Gli autori dello studio hanno seguito 633 pazienti con gotta per un anno: durante questo lasso di tempo i ricercatori hanno rimarcato 1247 attacchi di gotta che nel 92% dei casi si sono palesati a livello dell’alluce.
I pazienti che hanno consumato 10-12 ciliegie fino a 3 volte in un giorno o che hanno assunto estratto di succo di ciliegia hanno visto diminuire il rischio di attacco di gotta.
I ricercatori hanno visto che anche aumentando ulteriormente il consumo di ciliegie non calavano  le percentuali di rischio di attacco di gotta, ma hanno anche scoperto che i pazienti in cura con allopurinolo, un farmaco usato per stabilizzare l’uricemia che mangiavano ciliegie hanno visto ridursi del 75% la loro probabilità di avere un attacco di gotta; l’assunzione del solo allopurinolo riduce il rischio di attacco di gotta del 53%.

Chi soffre di gotta, insomma, oltre a ridurre il consumo di alcol, a prestare attenzione al peso corporeo e prestare molta attenzione nel consumo di cibi ricchi di purine dovrebbe, almeno stando a questo studio, incentivare anche il consumo di ciliegie.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Medscape Medical News

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti