Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

I consigli degli esperti

Vista minacciata dal pc, che fare?

di
Pubblicato il: 13-11-2012

In ufficio possono aumentare i problemi di vista, che a loro volta possono portare a posture scorrette e altri disturbi. Ecco 4 regole per evitare questi problemi.

Vista minacciata dal pc, che fare? © Photos.com Sanihelp.it - L’arrivo del freddo e la minore presenza di luce naturale mettono a dura prova la vista. Inoltre la ripresa dei ritmi lavorativi comporta un notevole impegno fisico, che mette a dura prova anche gli occhi. La vista è provata anche dalla vita di ufficio, con posture scorrette spesso assunte per ore.

Secondo una ricerca internazionale, il 32% degli italiani considera la propria capacità visiva, quando lavora al PC, discreta o poco soddisfacente. Questa insoddisfazione nasce da un uso non corretto delle lenti: quelle indossate non sono studiate per rispondere all’esigenza di avere una visione nitida e rilassata da vicino e nelle distanze intermedie. Di norma infatti le lenti da lettura e le lenti progressive tradizionali non offrono una visione confortevole nella zona da vicino e media distanza. Questo può compromettere la visione e causare una postura non corretta.

Se consideriamo infatti il campo visivo quando siamo in ufficio possiamo notare che i nostri occhi si muovono continuamente avanti e indietro tra lo schermo del computer, il display del telefono e i documenti, in uno spazio che va da uno a quattro metri. Di conseguenza l’unico modo per vedere nitidamente gli oggetti a varie distanze è quello di assumere con la testa o con il corpo posizioni innaturali e scomode che, se in un primo momento tamponano il problema, a lungo andare possono provocare affaticamento degli occhi, cefalee, mal di collo e mal di schiena.

Per risolvere queste situazioni basterebbe indossare lenti che si adattano perfettamente all’ambiente lavorativo circostante. Inoltre, è opportuno mantenere una postura corretta davanti al Pc, seguendo queste 4 pratiche regole che aiutano ad avere una seduta confortevole e prevenire lo stress visivo:

1. Controllare la posizione davanti al monitor: per una corretta posizione è necessario sistemare l’altezza del monitor in modo che il viso sia dritto e la linea di testo più alta sia all’altezza degli occhi.

2. Controllare l’altezza del tavolo: per una corretta altezza bisogna sedersi dritti, in posizione rilassata, con le ginocchia e i gomiti ad angolo retto. La schiena deve essere contro lo schienale della sedia e i piedi ben aderenti al pavimento.

3. Prestare attenzione a mantenere una corretta distanza: in questo modo è possibile prevenire l’affaticamento degli occhi. La distanza corretta dipende dalla dimensione del monitor, che deve essere posizionato tra i 50 e gli 80 cm.

4. Controllare le condizioni di luce: il buio affatica la vista, mentre un ambiente luminoso e libero da bagliori rende la visione più confortevole. Il monitor deve essere posizionato ad angolo retto (sotto) rispetto alle fonti luminose come lampade e finestre.

La Commissione Difesa Vista raccomanda di eseguire un test visivo ogni anno per valutare la salute dei propri occhi. Se si è affetti dal diabete, da malattie del sistema immunitario, da ipertensione o da altre patologie vascolari è necessario recarsi da un medico oculista di fiducia ogni 6 mesi.

Gli esperti di Carl Zeiss Vision Italia consigliano anche di:

1. Non trascurare alterazioni della visione, come i lampi luminosi (fosfeni) o l’annebbiamento della vista: è sempre meglio fare un check-up presso uno specialista.

2. Mangiare tutti i giorni frutta e verdura fresca: l’apporto vitaminico è importante per prevenire gravi malattie come la degenerazione maculare legata all'età (AMD).

3. Bere almeno un litro di acqua al giorno, per  rendere più difficile la comparsa di corpi mobili vitreali (le cosiddette mosche volanti).

4. Non portare le lenti a contatto per più di 6-8 ore al giorno, ma la loro tollerabilità varia a seconda dell'occhio.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Cartella stampa contenente estratto della ricerca realizzata dall’Istituto YouGov, con il contributo incondizionato del Gruppo Carl Zeiss, e il Decalogo per proteggere la vista redatto dagli specialisti di Carl Zeiss Vision.

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti