Le parole pi¨ cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Dialisi: i vantaggi della cura domiciliare

di
Pubblicato il: 15-11-2012
Sanihelp.it - La dialisi peritoneale domiciliare è indicata per la maggior parte dei malati, ma a oggi la percentuale di utilizzo di questa metodica non supera il 10%. Gli studi dicono che si potrebbe arrivare al 30%.

Da più di 30 anni la dialisi peritoneale rappresenta un’opzione di trattamento terapeutico domiciliare alternativo all’emodialisi. Tra i benefici più importanti c’è una maggiore preservazione della funzionalità renale residua. Uno studio pubblicato a febbraio 2012 sul Clinical Journal of the American Society of Nephrology ha evidenziato che i malati che hanno ricevuto il trapianto di rene e precedentemente erano in terapia con la dialisi peritoneale, presentano, rispetto a quelli precedentemente trattati in emodialisi, un tasso di sopravvivenza maggiore.

La terapia domiciliare garantisce ai malati, sempre più anziani e affetti da altre patologie minore stress emodinamico, un buon controllo dell’anemia e un minor rischio di disturbi del ritmo cardiaco, non necessita di un accesso vascolare e salvaguarda la funzione renale residua.

Questo tipo di cure domiciliari può integrarsi meglio con la quotidianità del malato e della sua famiglia, dato che non è necessario assentarsi dal posto di lavoro per sottoporsi alla procedura oppure accompagnarvi un familiare. La dialisi domiciliare peritoneale prevede esclusivamente un controllo in ospedale ogni 30-40 giorni, mentre con la emodialisi ospedaliera invece si richiede al malato una disponibilità di 4 ore per 3 volte alla settimana.

La panoramica regionale in Italia appare molto differenziata. Ci sono regioni più virtuose, come l’Abruzzo, il Veneto, le Marche, la Liguria e la Lombardia che sono al di sopra della media, mentre altre regioni, come la Sardegna, la Puglia, il Lazio, il Trentino Alto Adige, sono al di sotto; l’Emilia Romagna è al 10%. Questi numeri evidenziano quanto sia necessario anche da parte dei nefrologi credere in questa tecnica.

Una conferma di questo risparmio viene dai risultati di una ricerca condotta nel 2010 dal Censis. In particolare, il costo settimanale della dialisi peritoneale automatizzata è pari a 617,81 euro mentre quello dell’emodialisi con metodica standard è di 949,61 euro fino ad arrivare a 1.170,60 con l’emofiltrazione. Per quanto riguarda i costi sociali, particolarmente vantaggiosa è la dialisi peritoneale automatizzata che, essendo eseguita di notte, permette una vita diurna pressoché normale.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Comunicato stampa 53░ Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Nefrologia

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti