Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Quale scegliere e come applicarla

Creme mani: quale fa per me?

di
Pubblicato il: 20-11-2012

L'offerta è sempre più variegata: per i rossori, per le pelli secche, contro le rughe o antimacchia. Qualunque sia la scelta della crema, l'importante è massaggiarla bene.

Creme mani: quale fa per me? © Photos.com Sanihelp.it - Simbolo di fascino, bellezza e seduzione, primo biglietto da visita, capace di svelare la personalità e il carattere, le mani hanno bisogno di attenzioni costanti e cure su misura.

Spesso dimenticate nei trattamenti della mise en beauté quotidiana, esposte alle aggressioni climatiche e ambientali e stressate dai lavaggi frequenti, si disidratano, perdono morbidezza e sericità, manifestano arrossamenti e screpolature e, non ultimo, rivelano discromie e macchie pigmentarie, segni traditori del tempo che passa ed espressione di invecchiamento precoce.

D’obbligo quindi, utilizzare un prodotto specifico studiato espressamente per tutelarne il patrimonio di giovinezza e freschezza. La scelta deve tenere conto del tipo di pelle e delle problematiche specifiche.

Le mani delicate, soggette ad arrossamenti, screpolature e irritazioni, devono essere curate con prodotti lenitivi, emollienti e nutrienti: estratti di liquirizia e camomilla, pantenolo e allantoina sono ingredienti adatti a trattare queste problematiche. L'allantoina favorisce il rinnovamento cellulare, esercita un'azione emolliente e ammorbidente: per questo è utile anche per le mani che tendono a seccarsi.

Contro la disidratazione facile, sì alle formulazioni ricche di grassi vegetali, come il burro di karité o l'olio di avocado, e di sostanze occlusive, in grado cioè di formare sulla pelle un sottile film che riduce l'evaporazione.

Oggi la formulazione delle creme mani è sempre più specifica, proprio come quella dei prodotti da viso. Ci sono per esempio prodotti con proprietà antietà: sono a base di sostanze (vitamine, soprattutto la A e la E, flavonoidi e ceramidi) che bloccano l'azione dei radicali liberi, prevenendo la formazione delle rughe. Oppure antimacchia, con attivi specifici: esfolianti come alfa-idrossiacidi, beta- idrossiacidi e poli-idrossiacidi, schiarenti, come acido azelaico, arbutina e vitamina C, e filtri solari che ne prevengono la formazione.

Un altro aspetto a cui si dà sempre più importanza in cosmesi è la sensorialità: il profumo e la consistenza gradevole invitano a soffermarsi sull'applicazione della crema come momento di estremo piacere. Via libera dunque a massaggi prolungati e profondi, che riattivano la circolazione sanguigna, garantiscono nutrimento e ossigenazione alla pelle e favoriscono la penetrazione dei principi attivi contenuti nel prodotto.

Si inizia dal dito mignolo, tirandolo e stimolandolo dolcemente. Ripetuta l'operazione anche con le altre mani, si procede sfiorando con i polpastrelli il dorso di entrambe le mani, con un massaggio circolare che arrivi fino alla punta delle dita. Appoggiare le dita della mano sinistra a ventaglio sul dorso della mano destra, massaggiandolo dolcemente verso il polso. Ripetere con l'altra mano.

Con le dita della mano sinistra, avvitare e tirare leggermente quelle della mano destra. Ripetere con l'altra mano. Con il pollice e l'indice della destra fare pressione lungo le dita della sinistra. Ripetere con l'altra mano. Massaggiare il pollice della mano destra e poi quello della sinistra, lisciandolo e tirandolo leggermente.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
I contenuti di questo articolo sono stati estratti dalle cartelle stampa dei prodotti presenti nella vetrina di accompagnamento e da due libri: Per la tua pelle, di A. Di Pietro, Sperling&Kupfer, e Dermocosmetologia. Dall'inestetismo al trattamento cosmetico, di A. Bovero, Tecniche Nuove.

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti