Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Si amplia la gamma dei dolcificanti con poche calorie

di
Pubblicato il: 21-11-2012
Sanihelp.it - Un anno dopo l’introduzione del più recente dolcificante a basso contenuto calorico – i glicosidi steviolici, comunemente noti come Stevia - nel novero degli ingredienti disponibili per i produttori di alimenti e bevande, l'Associazione Internazionale Dolcificanti (ISA) celebra l’accelerazione dell’innovazione di prodotto nel settore, grazie alla quale i consumatori potranno godere di una varietà sempre più ampia di alimenti, bevande e dolcificanti da tavola a basso contenuto calorico.

Stevia, avendo un elevato potere dolcificante (circa 300 volte maggiore dello zucchero) e allo stesso tempo un apporto calorico nullo, può avere un ruolo importante nella gestione del peso. Questo dolcificante, assolutamente sicuro, è una valida alternativa allo zucchero, con un gusto e una consistenza molto simili. Sostituendo i cucchiaini di zucchero di consumo quotidiano con le bustine di Stevia è infatti facile risparmiare calorie: una bustina di Stevia non apporta calorie, mentre una zolletta di zucchero ne apporta circa 20. In un giorno, evitando 5 cucchiaini di zucchero si risparmiano 100 kcal.

I dolcificanti a basso contenuto calorico sono utilizzati nella produzione di alimenti e bevande in Europa fin dalla scoperta della saccarina, nel 1879. Negli ultimi 30 anni, la gamma dei dolcificanti alimentari disponibili si è estesa notevolmente, con l’introduzione dell’acesulfame-k, dell’aspartame, del sucralosio, del neotame e, ora, dei glicosidi steviolici. A partire dal 1994, le normative che ne disciplinano l’utilizzo sono state armonizzate, permettendo a tutti i dolcificanti autorizzati di venire usati in tutta l’Unione Europea.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
L'Associazione internazionale dei dolcificanti (ISA) è un’organizzazione non a scopo di lucro che rappresenta i produttori europei di dolcificanti a basso contenuto calorico, riconosciuta dalla Commissione europea, dalle autorità regolatorie nazionali e internazionali e dall’Organizzazione mondiale della sanità.

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti