Le parole pi¨ cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Piedi: idratazione, scrub e pediluvio anche d'inverno

di
Pubblicato il: 26-11-2012
Sanihelp.it - Archiviati sandali e infradito, i piedi vengono dimenticati. A torto, perché d'inverno i piedi soffrono. «L’abbassamento delle temperature è causa di un rallentamento nel ricambio delle cellule della pelle, soprattutto su talloni e laterali, determinando una vera e propria disidratazione - spiega il podologo, dottor Massimiliano Macciantelli -

Soprattutto in questo periodo i piedi necessitano di una maggiore idratazione, mediante l’utilizzo di prodotti specifici in grado di ridurre la perdita di acqua dagli strati più esterni dell’epidermide, capaci di fornire alla pelle le sostanze essenziali per ristabilire l’equilibrio idrolipidico».

Il podologo sottolinea come la somministrazione di questi prodotti sia consigliabile di mattina, mai a ridosso di docce che vanificano l’assorbimento di creme a base acquosa, in quanto il piede viene già idratato dall’acqua ed espelle ulteriori elementi di idratazione.

I batteri trovano nell’umidità e nel calore delle scarpe l’ambiente ideale per proliferare e produrre le sostanze responsabili del cattivo odore. Per questo, il medico consiglia, dopo una giornata trascorsa fuori casa, di lavare bene i piedi prestando cura al passaggio dell’asciugamano anche tra le dita per evitare che l’umidità, ristagnando in questi distretti, favorisca la proliferazione microbica.

Il podologo suggerisce anche di prestare molta attenzione alla scarpa indossata per evitare infezioni micotiche, causate spesso da sfregamenti e umidità locale, specie quando la calzatura è chiusa, con suola in gomma o sportiva indossata senza calzini.

Prima di andare a dormire è bene utilizzare una crema esfoliante per eliminare le cellule morte e per rendere il piede vellutato e morbido. Da applicare con un massaggio circolare, è consigliabile utilizzarla circa tre volte a settimana.

Successivamente, per liberarsi dalla stanchezza dovuta ai tacchi, specie se si sono indossate calzature molto strette o collant, e per alleviare la pesantezza degli arti dopo una giornata trascorsa in movimento, è necessario rivitalizzare la circolazione con azioni defaticanti. La soluzione ottimale in questo caso, spiega il il dottore, è il classico pediluvio che contribuisce a rigenerare e rilassare i piedi.

Per concludere al meglio la giornata, l’ottimale sarebbe camminare per qualche minuto a piedi nudi in casa - pratica proveniente dal gimnopodismo che promuove la cultura del camminare scalzi - su una superficie liscia e calda: il contatto con la terra favorisce infatti il recupero delle energie, la riattivazione della circolazione e il ritorno venoso, con un’inversione della direzione del sangue dalla periferia verso il cuore. Inoltre lo svolgimento di tale pratica favorisce la traspirazione del piede e un naturale massaggio riflessologico, con effetti positivi per tutto l’organismo.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Comunicato stampa: Scholl e il Podologo Massimiliano Macciantelli presentano I passi giornalieri per piedi belli e sani

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti