Le parole pi¨ cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Lupus: nuovi farmaci per curarsi meglio

di
Pubblicato il: 06-12-2012
Sanihelp.it - Si prospettano nuove opportunità di trattamento per i malati di Lupus Eritematoso Sistemico (LES), una malattia infiammatoria cronica autoimmune, secondo quanto emerso in occasione del XLIX Congresso Nazionale della Società Italiana di Reumatologia di Milano.

Come le altre connettiviti, il LES colpisce prevalentemente le donne, anche giovani, con un’incidenza di 2-10 nuovi casi ogni 100.000 all’anno. Tra le novità più interessanti c’è il Rituximab, un anticorpo monoclonale diretto contro i linfociti B, molto efficace nelle manifestazioni renali, articolari e vasculitiche del LES e quando la terapia con i farmaci convenzionali non dà risultati soddisfacenti.

Ulteriori speranze potrebbero arrivare dagli studi attualmente in corso. Fra i farmaci in sperimentazione nel LES c’è un farmaco innovativo che inibisce la JAK chinasi 1, una molecola implicata nella risposta immunitaria in quanto trasmette al nucleo cellulare i segnali che arrivano alle cellule dall’ambiente esterno. Il farmaco si assume per via orale, consentendo così di evitare la somministrazione per via endovenosa, che richiede la necessità di recarsi in ospedale. Nei prossimi mesi inizierà uno studio clinico internazionale, che vede coinvolti anche i più importanti centri italiani, per valutare la sua efficacia nel LES.

Altri farmaci in studio sono il Epratuzumab, un biotecnologico anti-linfociti B che sta attraversando le fasi sperimentali nel LES con risultati promettenti, e il Belimumab, un anticorpo monoclonale completamente umano che inibisce lo stimolatore dei linfociti B BLyS, una proteina prodotta naturalmente.

Il Belimumab, riducendo i livelli di questa citochina, esercita un’azione favorevole sulla malattia. Vari studi clinici internazionali hanno documentato la sua efficacia nel LES e la sua buona tollerabilità. È il primo farmaco sviluppato in modo specifico per il LES; è stato approvato negli Stati Uniti ed è in studio anche per altre malattie autoimmuni sistemiche.

Proseguono anche le ricerche per identificare le cause e i meccanismi fisiopatologici della malattia, tra cui importanti studi sui fattori genetici. Dai risultati ci si attende una migliore conoscenza sulle cause del LES, con una ricaduta positiva sulla possibilità di sviluppare nuove terapie.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
XLIX Congresso Nazionale della SocietÓ Italiana di Reumatologia, Milano, novembre 2012

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
4 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti