Le parole pi¨ cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Più forti e scattanti con il Caveman training

di
Pubblicato il: 04-12-2012

È un nuovo modo di fare fitness. Un'alternativa divertente ed efficace, che arriva dall'America e si ispira all'allenamento dei Marines. Vuoi saperne di più? Leggi la nostra intervista all'esperto.

Più forti e scattanti con il Caveman training © Redazione Sanihelp.it - Se il classico programma di allenamento proposto dai fitness club non fa per te, i pesi ti annoiano, la corsa e lo spinning ti hanno stancato. Se non sopporti l’idea di rinchiuderti tra le quattro mura di una palestra per riconquistare la forma fisica o migliorare la tonicità. Allora prova con il Caveman training, un nuovo modo di fare fitness che può essere praticato all’aria aperta, sfruttando gli elementi che la natura offre.

Il Caveman, sostantivo che letteralmente significa uomo delle caverne, è una disciplina sportiva nata in America, che inizialmente faceva parte integrante dell’allenamento dei professionisti delle Mixed Martial Arts (MMA). Venne poi adottata come training ufficiale nella preparazione atletica delle più importanti forze speciali americane: i Marines, l’FBI, e i Vigili del Fuoco. In sostanza: di tutti coloro che necessitavano di allenare la propria prontezza (sia fisica che psichica) per essere in grado di reagire, senza alcuna esitazione, di fronte ad un evento inaspettato: durante le missioni speciali di polizia e/o guerra, nel caso di un salvataggio oppure di un combattimento professionistico.

Uno sport dunque che promette non solo un incremento della forza e della resistenza, ma anche una riduzione dei tempi di reazione e maggiore lucidità mentale. Ma come è strutturata una seduta di allenamento? Dove si svolgono i corsi e chi può frequentare le lezioni? Per saperne di più abbiamo incontrato Daniele Cicolella, trainer e direttore della Italian Caveman Training, un team di professionisti del fitness che promuovono questa disciplina in Italia.

Ciao Daniele, come sei venuto a conoscenza di questa singolare disciplina? E com’è nata l’idea di farne uno sport da proporre a tutti?

«Allenandomi da oltre vent'anni ed avendo fatto della mia passione il mio lavoro, sono alla continua ricerca di nuovi metodi di allenamento. Sono venuto a conoscenza del Caveman training grazie ad alcuni video pubblicati su internet: mi è sembrata fin da subito un’ottima proposta di functional training, anche se forse un po’ troppo impegnativa per la maggior parte delle persone normali. Gli esercizi proposti erano piuttosto complessi e di intensità molto elevata, svolti da veri e propri atleti, principalmente lottatori di MMA. Ma l’idea di base era buona: un allenamento efficace, sicuro ma anche nuovo ed accattivante. Per questo ho deciso di reinterpretare il concetto di caveman training mantenendo la maggior parte delle attrezzature e riadattando gli allenamenti, rendendoli alla portata di un target di atleti normalmente allenati, mantenendo però il metodo e l’impostazione originali. In questo modo è nato il programma Italian Caveman Training».

Cosa spinge le persone ad avvicinarsi al Caveman?

«Il voler rompere la monotonia del classico allenamento proposto dalla maggior parte delle palestre perché quando ci si allena all'aperto subentrano tutte quelle particolari sensazioni che solo l'allenamento a stretto contatto con la natura può dare. E ancora l'attrattiva data dall'uso costante di attrezzature non convenzionali».

Chi sono i principali utenti?

«Potrà sembrare strano, ma l'80% dei frequentatori dei miei corsi sono donne che si allenano regolarmente in palestra, corrono, o semplicemente decidono di avvicinarsi a questa disciplina per muoversi e ritrovare la forma fisica. L’allenamento avviene in gruppo, principalmente nei parchi. Gli uomini che praticano Caveman sono meno numerosi; quelli che ci sono, seppur con qualche sforzo, riescono comunque a stare dietro al cosiddetto sesso debole».

Ci sono particolari controindicazioni?

«Assolutamente no in quanto la strutturazione di ogni singolo allenamento è basata su criteri scientifici ed empirici. Ogni partecipante al corso viene sottoposto ad una anamnesi ed in caso di particolari problematiche osteo-articolari gli esercizi e i movimenti vengono adattati in modo da non provocare danni. Va da sè poi che ad ogni partecipante viene richiesto un certificato medico».

Come si svolge una seduta di allenamento? E quanto dura un corso completo?

«Dopo una breve introduzione al corso si parte con il riscaldamento generale, seguito dalla dimostrazione degli esercizi che poi comporranno il circuito finale, adatto sia agli utenti poco allenati che a quelli più preparati. La durata è di circa un'ora con 45' di lavoro effettivo».

Quali sono gli strumenti utilizzati?

«Si tratta di attrezzature non convenzionali: copertoni, Kettlebells, bulgarian bags, cime navali, elastici, panchine, scalinate e avvallamenti naturali presenti nel luogo prescelto per l’allenamento».

Quale l’abbigliamento più adatto?

«Consiglio di indossare indumenti comodi e comunque funzionali all'attività fisica; che, quando ci si allena all'aperto vanno poi ovviamente adattati alla stagione».

Quali sono i benefici per chi pratica questa disciplina?

«I benefici sono ovviamente quelli tipici di un corretto ed efficace allenamento di qualsiasi tipo, con quel qualcosa in più dato che risiede nel fatto che il Caveman viene svolto in gruppo, utilizzando oggetti anomali in ambienti inusuali».

Essendo un programma di allenamento principalmente outdoor, durante l’inverno deve essere sospeso?

«Tendenzialmente no. Gli allenamenti vengono sospesi solo quando le condizioni atmosferiche pregiudicano gli standard di sicurezza».

Dove possono i nostri lettori trovare informazioni su dove e quando si tengono corsi e lezioni?




FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Daniele Cicolella - Tutte le informazioni possono essere reperite sul nostro sito internet http://www.italiancavemantraining.it/ oppure su http://www.plusone.it. A Milano i corsi si tengono ogni martedý indoor presso la palestra Plus1 D2 club sita in via Friuli 8/A, il venerdý outodoor presso il parco Ravizza e la domenica al parco Sempione (orari indicati sul sito).

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti