Le parole pi cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Importanza della vitamina D nel declino cognitivo

di
Pubblicato il: 03-12-2012
Sanihelp.it - Sulla rivista edita dalla Gerontological Society of America sono stati pubblicati due studi che sottolineano l’importanza della vitamina D per contrastare il declino cognitivo nelle donne.

Lo studio condotto in Francia sostiene che le donne con un apporto ottimale con la dieta di vitamina D hanno una minore probabilità di sviluppare malattia di Alzheimer.
Lo studio condotto presso l’università di Minneapolis, invece, ribadisce come le donne anziane con bassi livelli di vitamina D sono più a rischio delle altre di evidenziare segni di declino cognitivo.

Questi due studi seguono un altro studio molto interessante pubblicato precedentemente sulla stessa rivista dove si sottolineava come sia gli uomini che le donne di una certa età che non possono contare su livelli adeguati di vitamina D, perché non assumono integratori, non hanno un’esposizione adeguata ai raggi solari o perché la loro dieta non gli consente di assumerne quantità soddisfacenti sono anche più a rischio di vedere ridotta, in maniera importante, la loro mobilità.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Eurekalert

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti