Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Un'indagine rivela l'opinione degli italiani

Generici: a che punto siamo?

di
Pubblicato il: 11-12-2012

Ancora scetticismo e dubbi sui generici. Un esperto spiega la differenza tra farmaci di marca ed equivalenti e i casi in cui non è consigliata la sostituibilità.

Generici: a che punto siamo? © Photos.com Sanihelp.it - Due medici su tre non intendono modificare il proprio atteggiamento prescrittivo verso gli equivalenti, mentre l’82% ritiene che la nuova norma della spending review rappresenti una limitazione della libertà prescrittiva. Sono alcuni dei risultati dell'indagine realizzata dall’Istituto di Ricerca Medi-Pragma sull'impatto dei tagli del Governo sui farmaci equivalenti.

La maggioranza di medici (83%) e farmacisti (61,3%) mostra scetticismo verso il reale impatto, in termini di riduzione della spesa farmaceutica, della norma contenuta nella spending review. D’altro canto i farmacisti hanno sensibilmente aumentato negli ultimi mesi le operazioni di sostituzione da farmaco di marca a equivalente (+11,3%), ma oltre la metà dei pazienti in farmacia chiede il prodotto di marca.

Per quanto riguarda la popolazione generale, aumenta la conoscenza della norma, ma diminuisce il consenso: otto italiani su dieci conoscono le novità introdotte dalla spending review, ma dopo un’iniziale adesione alle innovazioni introdotte, si riduce sensibilmente il consenso nei confronti dei contenuti relativi alla prescrizione e dispensazione dei farmaci generici.

La maggiore esperienza con i prodotti generici sembra mettere in luce il fatto che i farmaci equivalenti non offrono tutti le stesse prestazioni. «Un farmaco può definirsi bioequivalente rispetto all’originator quando contiene lo stesso tipo e la stessa quantità di principio attivo. Non è invece necessario che ci siano gli stessi eccipienti. La composizione farmaceutica delle formulazioni generiche può quindi essere diversa da quella dei rispettivi prodotti di marca e comportare, per esempio, un diverso assorbimento del farmaco – afferma Francesco Scaglione, Direttore Scuola di Specializzazione di Farmacologia Clinica dell’Università di Milano e Membro del Gruppo di Studio della Società Italiana di Farmacologia sui medicinali equivalenti. – Queste differenze rispetto al prodotto originale potrebbero portare a problemi che possono compromettere la sostituibilità».

Gli over 65 manifestano disagio e resistenza al generico. Il 46% preferisce continuare a utilizzare i farmaci a cui è abituato e il 52% preferisce il prodotto di marca quando avvia una nuova terapia.

«Tra i problemi che si possono mostrare sul piano della sicurezza del paziente è importante quello della variabilità interindividuale - prosegue l'esperto - È importante menzionare anche i problemi di allergia o di generica intolleranza ai diversi tipi di sostanza, sono parecchie le categorie di pazienti implicati in queste si­tuazioni e che richiedono, quindi, un’attenzione particolare: i dia­betici, i celiaci, gli intolleranti al lattosio, gli allergici ai sulfamidici (saccarina), i fenilchetonurici (aspartame) e gli allergici in generale.

Quando si considerano trattamenti già in corso in pazienti cronici e ben stabilizzati, sarebbe consigliabile non modificare il trattamento – conclude Scaglione – La possibilità, prevista dalla legge, da parte del farmacista di sostituire un medicinale equivalente con un altro è una pratica introdotta al fine di agevolare l’utilizzo dei medicinali generici, ma una conseguenza di questa possibilità è che il paziente in trattamento cronico possa ricevere generici di ditte produttrici diverse nel corso del trattamento. Tale pratica può recare sconcerto e confusione nel paziente (soprattutto se anziano), portando a errori nell’assunzione della terapia e/o mettendo a rischio la continuità del trattamento».


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Comunicato stampa sull’indagine realizzata dall’Istituto di Ricerca Medi-Pragma dal titolo Farmaci Equivalenti: l’impatto della Spending Review (Milano, 5 dicembre 2012).

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti