Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Caldo e anziani: una maglietta per la salute

di
Pubblicato il: 02-07-2004

Gli anziani sono i più esposti ai rischi delle alte temperature, soprattutto se vivono soli in città. Grazie alla ricerca scientifica e a nuovi metodi di assistenza, però, si preannuncia un'estate meno calda.

Sanihelp.it - L’arrivo dei mesi più caldi, soprattutto negli ultimi anni, ha messo in luce una nuova emergenza sociale: gli anziani.
Gli ultrasessantenni sono i più esposti ai danni del caldo eccessivo sulla salute. Se vivono soli, questo si traduce spesso in abbandono e impossibilità di ricevere soccorso immediato, e le conseguenze sono i tristi casi di cronaca che purtroppo conosciamo.

La ricerca scientifica si sta impegnando per cambiare questo stato di cose, e uno dei primi frutti è l’invenzione della maglietta MagIC (maglietta interattiva computerizzata). Fantascienza? No, semplicemente tecnologia.

Si tratta di una maglietta apparentemente normale, ma realizzata con fibre metalliche che, entrando in contatto con il torace, rilevano i segnali elettrici del cuore e li trasmettono a un microchip. Questo circuito intelligente, inserito nella maglietta stessa, è in grado di stabilire in ogni momento il punto più adatto per effettuare le rilevazioni, di analizzare i dati e di trasmetterli a una centrale esterna di monitoraggio.

In questo modo è possibile tenere sotto controllo gli anziani a rischio di pericolose aritmie, senza costringerli a continui esami.

La fondazione Don Gnocchi, che ha curato e brevettato il prodotto, sta avviando per quest’estate una sperimentazione su alcuni pazienti anziani, da inserire nel progetto multidisciplinare basato sull’educazione sanitaria, sui consigli dietetici, sulle terapie e sugli interventi psico-sociali.

Ma anche sul fronte dell’assistenza si stanno compiendo numerosi passi avanti.
Un esempio è l’innovativo progetto sperimentale avviato a Milano, gestito dalla Fondazione Don Gnocchi e finanziato dal ministero della Salute e dalla regione Lombardia, con il contributo del comune di Milano, dell’Aler e dell’Asl città di Milano.

Sono state istituite dieci centrali operative territoriali, inserite in trenta postazioni presidiate dai portieri dell’Aler e del Comune, con il compito di sostenere e monitorare i cittadini anziani più fragili che vivono in contesti ambientali degradati o in condizioni ambientali difficili.

Il tutto grazie al lavoro di custodi socio-assistenziali, giovani volontari in servizio civile e ausiliari socio-assistenziali, veri e propri angeli custodi degli anziani durante la calda estate in città.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Fondazione Don Gnocchi, Milano

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti