Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Malattia di Parkinson e propensioni artistiche

di
Pubblicato il: 04-02-2013
Sanihelp.it - Secondo uno studio pubblicato sulla versione online della rivista Behavioral Neuroscience i pazienti che scoprono di essere afflitti da morbo di Parkinson dopo un po’ di tempo possono scoprire di avere delle insospettate propensioni artistiche come la pittura, la scultura o la scrittura.

Secondo gli autori della ricerca queste propensioni sono da ricercare nella modificazione dei livelli di dopamina indotti dai farmaci utilizzati nella terapia per il Parkinson.
Il morbo di Parkinson, infatti, comporta una delezione progressiva della dopamina prodotta a livello cerebrale che causa rigidità e tremori; le terapie farmacologiche quindi cercano di rimpiazzare la dopamina carente e quindi se da una parte si registra un miglioramento nella mobilità,  l’aumento della dopamina va ad agire anche sui circuiti neuronali della gratificazione e della ricompensa.
er questo alcuni pazienti in terapia con i farmaci per il Parkinson sviluppano disturbi del controllo dell’impulso perciò iniziano a giocare d’azzardo o hanno voglia irrefrenabile e continua di fare sesso.

Alcuni esponenti della comunità scientifica ritengono che le propensioni artistiche svelate da alcuni pazienti con Parkinson nulla abbiano a che vedere con l’assunzione dei farmaci, ma sia semplicemente un modo dei pazienti di reagire alla loro malattia.
Alcuni pazienti, infatti, dipingendo o scolpendo vedono migliorare la propria mobilità e il tremore.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
WebMD Health News

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti