Le parole pi¨ cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Speciale polifenoli/ maqui

La scala Orac: il potere antiossidante degli alimenti

di
Pubblicato il: 08-03-2013

Sentiamo sempre più spesso parlare del potere di alcuni alimenti di proteggere l'organismo dallo stress ossidativo. Ma come è possibile misurarlo? Scopriamolo insieme.

La scala Orac: il potere antiossidante degli alimenti © Photos.com Sanihelp.it - La capacità antiossidante viene di solito espressa con il valore ORAC, sigla che sta per Oxygen Radicals Absorbance Capacity, e traduce in numeri la capacità di un alimento di assorbire i radicali dell’ossigeno. Più elevata è l’attività antiossidante, più elevato è il valore ORAC. I dati derivano ovviamente da simulazioni di laboratorio che, assicurano gli esperti, possono essere considerate attendibili e rappresentative rispetto alla realtà.

Secondo l’USDA (United States Department of Agriculture, ovvero il Ministero dell’Agricoltura americano) la quota ORAC consigliata al giorno per un individuo adulto è pari a 5.000 unità. Ovviamente assumendone una quantità più elevata l’effetto antiossidante sarà maggiore.

Gli ultimi studi scientifici indicano la categoria dei berry (così gli angolsassoni chiamano i frutti di bosco) come quella con il più potente potere antiossidante, e in particolare il maqui: un super mirtillo che cresce spontaneamente al largo delle coste del Cile, nell’Arcipelago Juan Fernandez, ed in particolare sull’isola Robinson Crusoe.

Per fornire all’organismo una quantità di circa 8.000 unità ORAC giornaliere è necessario assumere, affermano gli esperiti, circa 150 g di mirtilli (con essi si assumono molti carboidrati) o 2 bicchieri di vino rosso (molto alcool) o una stecca di cioccolato fondente (molti grassi) o, meglio, 0,3 g di polifenoli altamente purificati in polvere sotto forma di piccole capsule, quindi senza carboidrati, senza alcool e senza grassi saturi.

Se si svolge attività fisica intensa oppure se si ha una patologia infiammatoria è necessario aumentare il quantitativo di polifenoli. Le ricerche più recenti hanno evidenziato che gli effetti protettivi dei polifenoli non sono dovuti solo alle loro proprietà antiossidanti, ma anche alla loro capacità di modulare varie attività cellulari.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Libro "I polifenoli del Maqui"

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti