Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Speciale polifenoli/ maqui

Nutrizione alla ricerca della supersalute

di
Pubblicato il: 08-03-2013

Per migliorare la salute e prevenire le malattie croniche un aiuto arriva dalla Scienza che propone integratori naturali. Ecco alcune indicazioni per imparare a sceglierli.

Sanihelp.it - Medici e dietologi di tutto il mondo sono concordi nell’affermare che il primo passo per preservare la salute consiste nell’adottare uno stile di vita corretto. Tra gli ingredienti base: alimentazione sana e bilanciata, un po’ di movimento ogni giorno i trucchi giusti per tenere sotto controllo lo stress. Assolutamente corretto. Ma non sempre possibile. Sì perché i ritmi di lavoro (e di vita) sono spesso frenetici, e ci portano a cancellare quei gesti quotidiani che tanto sono importanti per garantire il benessere e scongiurare le malattie.

Possiamo però provare a limitare i danni assumendo un buon integratore, nell’attesa di riuscire a ritagliarci un po’ di tempo per riempire il frigorifero di alimenti sani e colorati e dedicare qualche ora all’attività fisica.

Un integratore che ovviamente non rappresenta la soluzione a tutti i mali. Ma che diventa importante in termini di prevenzione, sia per chi conduce una vita sregolata, sia per coloro che hanno buone abitudini. Gli studi scientifici più recenti sottolineano infatti l’utilità di un maggior apporto di polifenoli nella dieta, sostanze prodotte dalle piante per difendersi dagli agenti esterni, che sembrano essere in grado di attivare l’enzima della vita nelle cellule del nostro organismo.

I più potenti tra i polifenoli, le delfinidine, si trovano in abbondanza all’interno dei frutti di bosco ed in particolare nel maqui, un super mirtillo che cresce al largo del Cile e che viene raccolto ancora oggi a mano, bacca per bacca. Un frutto di difficile reperibilità dunque, che può però essere facilmente assunto sotto forma di integratore. L’estratto vegetale viene prodotto sottoponendo il frutto a un processo detto cromatografia: il maqui viene sospeso in acqua, dove le antocianine passano dal frutto all'acqua stessa. La soluzione ottenuta viene poi disidratata fino a diventare una polvere fine di colore viola intenso e ricchissima in polifenoli: gli estratti migliori arrivano a contenere il 25% circa di delfinidine.

Per finire una raccomandazione: non tutti gli integratori sono uguali. Attenzione a scegliere un prodotto che presenti un contenuto di antocianine standardizzato, cioè controllato e mantenuto costante. Questo aspetto è molto importante, poiché i prodotti alimentari viaggiano spesso tra diversi continenti attraverso lunghe filiere.
FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Libro "I polifenoli del Maqui"

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?

Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti