Le parole pi¨ cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Disabilità: è importante il rapporto con la sedia a rotelle

di
Pubblicato il: 11-03-2013
Sanihelp.it - La percezione che abbiamo del nostro corpo è altamente modificabile. È esperienza di tutti la capacità di percepire le dimensioni della propria automobile in modo inconscio. Ce ne accorgiamo quando, cambiando auto, incontriamo difficoltà a svolger manovre che con la nostra effettuiamo senza problemi.

Quali sono i meccanismi cerebrali che sottendono a questo fenomeno e soprattutto cosa avviene quando si utilizzano protesi o ausili per favorire il recupero funzionale dopo lesioni del sistema nervoso centrale? Una risposta giunge dal lavoro pubblicato sulla rivista Plos One frutto della collaborazione tra l'IRCCS Fondazione Santa Lucia e il Dipartimento di Psicologia di Sapienza Università di Roma.

Lo studio evidenzia come gli individui con deficit motori conseguenti a una lesione spinale, mostrino una forte associazione tra il proprio corpo e la sedia a rotelle che utilizzano per muoversi.

I ricercatori hanno scoperto che i pazienti che ricorrono quotidianamente alla carrozzina, indipendentemente dal tempo trascorso dalla lesione o dalla personale esperienza nell'utilizzo dello strumento, percepiscono i confini del proprio corpo come se fossero plastici e flessibili. In questo modo la carrozzina stessa viene assimilata oltre i confini biologici del corpo stesso.

Non tutti i pazienti, tuttavia, incorporano la sedia a rotelle allo stesso modo: coloro che hanno una più estesa compromissione delle attività funzionali, vivono con questi strumenti un rapporto di maggiore estraneità, cosa che inevitabilmente condiziona la loro libertà di gestire il nuovo corpo attraverso lo strumento. Tali evidenze convergono nell'indicare la carrozzina come sostituto tangibile e funzionale per le parti del corpo danneggiate dalla lesione e non solo una semplice estensione degli arti inferiori.

Questa osservazione dimostra come il semplice utilizzo di un ausilio influisca sulla plasticità cerebrale e sulla organizzazione della rappresentazione cerebrale del corpo. Ciò apre a possibili applicazioni nel campo della riabilitazione segnalando come sia importante il raggiungimento di un equilibrio armonioso tra corpo e ausilio per favorire il successo terapeutico dello stesso. 


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
UniversitÓ La Sapienza

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti