Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Gli studi confermano la loro efficacia

Vitamine e minerali per restare giovani

di
Pubblicato il: 26-03-2013

Contro lo stress ossidativo, responsabile dell'invecchiamento precoce delle nostre cellule, è fondamentale un buon apporto di vitamine e minerali. E se la dieta non basta...

Vitamine e minerali per restare giovani © Phtoos.com Sanihelp.it - Vivere bene è meglio che vivere: lo diceva Aristotele migliaia di anni fa, quando ancora l’organismo umano non era provato da fattori che oggi rappresentano rischi per il nostro benessere. Inquinamento, fumo, stress, scorretta alimentazione e inadeguati stili di vita sono elementi che, secondo la letteratura scientifica, contribuiscono al manifestarsi dello stress ossidativo, ossia lo scompenso tra la produzione di molecole reattive ossidanti e l’efficienza delle difese antiossidanti proprie dell’organismo.

«Quando i livelli di radicali liberi diventano eccessivi, e/o le difese antiossidanti cellulari si riducono, si sviluppa un danno ossidativo a vari livelli (lipidi, proteine, DNA) che può portare a perdita di funzione e invecchiamento cellulare - spiega il professor Giovanni Scapagnini, biochimico clinico e docente presso l’Università del Molise - Per contrastare l’azione dei radicali liberi, le cellule e l’organismo hanno a disposizione una serie di meccanismi, che costituiscono le difese antiossidanti endogene.

La nutrizione svolge un ruolo fondamentale nel mantenere queste difese: con gli alimenti, infatti, si assumono micronutrienti in grado di stimolare la sintesi e la funzione del sistema antiossidante endogeno», specifica Scapagnini.

A questo proposito, l’Osservatorio AIIPA (Associazione Italiana Industrie Prodotti Alimentari – Area Integratori Alimentari) ricorda alcuni micronutrienti utili a proteggere le cellule da questo particolare stress. Tra i principali ricordiamo: le tante virtù della vitamina C, contenuta negli agrumi e nei kiwi, nei vegetali a foglia verde, nei peperoni, pomodori, nell'acerola, e nella rosa canina. Questa vitamina, oltre che contribuire alla protezione delle cellule dallo stress ossidativo, contribuisce alla biosintesi del collagene per la normale funzione di pelle, denti e gengive, aiuta a ridurre la sensazione di stanchezza e affaticamento, accresce l’assorbimento del ferro.

Il ruolo di protettore delle cellule dallo stress ossidativo è svolto anche dalla vitamina E presente, tra l’altro, in alcuni formaggi. «Per vitamina E – aggiunge Scapagnini – si intende la famiglia dei tocoferoli e tocotrienoli. Sono composti molto liposolubili, trasportati nelle lipoproteine plasmatiche e distribuite a livello delle membrane cellulari e dei depositi di grasso».

Via libera anche a pane e pizze - in quantità controllate per non eccedere nell’apporto di carboidrati - in quanto contenenti il lievito di birra, ricco di vitamina B2 (riboflavina). Oltre alla protezione delle cellule dallo stress ossidativo, la riboflavina aiuta a ridurre stanchezza e affaticamento, contribuisce al mantenimento della normale capacità visiva e al metabolismo del ferro.

Infine, pure elementi in traccia come selenio, rame e zinco possono essere validi sostegni alimentari per la protezione dello stress ossidativo. Ma non solo. Il rame contribuisce anche al normale trasporto di ferro nel sangue e alla normale pigmentazione dei capelli e della pelle; il selenio aiuta la normale spermatogenesi e il mantenimento di capelli e unghie; lo zinco è utile al normale mantenimento di capelli, pelle, unghie, ossa, alla capacità visiva e al livello di testosterone.

Nell’ordine, ne sono particolarmente ricchi alimenti come il pesce (principalmente tonno fresco, sardine, sogliole, merluzzo e cozze), la frutta secca (noci, pistacchi, anacardi, pistacchi) e i cereali. Quindi, avere in mente una tabella nutrizionale a cui fare riferimento ogni giorno per orientarsi nelle scelte alimentari può davvero contribuire a difendersi dallo stress ossidativo. Per coadiuvare quindi il benessere dell’organismo o in caso di carenze, anche l’utilizzo di integratori alimentari può essere utile per mantenere il giusto equilibrio.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
AIIPA

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.25 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti