Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Uso di antibiotici e malattie polmonari

di
Pubblicato il: 25-03-2013
Sanihelp.it - Secondo uno studio condotto presso l’università di Dundee in Scozia e pubblicato sulla rivista British Medical Journal l’utilizzo dell’antibiotico claritromicina in pazienti affetti da bronco pneumopatia cronico ostruttiva ne potrebbe aumentare il rischio di eventi cardiovascolari; non è stato possibile trovare un rapporto di causa-effetto fra i due eventi, ma è stato comunque ravvisato un legame.

Gli autori della ricerca hanno analizzato i dati relativi a 1300 pazienti affetti da bronco pneumopatia cronico ostruttiva (BPCO) e 1600 affetti da polmonite.
Ne è emerso che il 26% dei pazienti affetti da BPCO che hanno assunto claritromicina nell’anno successivo all’assunzione hanno sperimentato almeno un episodio di problema di cuore, contro il 18% di pari problematiche riscontrate fra i pazienti con BPCO che non hanno mai assunto claritromicina.

I ricercatori hanno anche sottolineato come sembra esserci un legame fra assunzione di claritromicina nei pazienti con BPCO e aumento della mortalità per cause cardiache, mentre l’associazione non è ravvisabile nei pazienti con polmonite che assumono claritromicina.
Questo studio dovrà essere confermato da altri prima di arrivare a cambiare i protocolli di cura dei pazienti affetti da BPCO.
FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
WebMD Health News

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?

Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti