Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Ipotiroidismo: il 36% dei malati fa fatica a seguire la cura

di
Pubblicato il: 02-04-2013
Sanihelp.it - Il 37% delle persone che soffre di ipotiroidismo dichiara di sentirsi diverso da quando ha questo problema e il 31% è preoccupato per la dipendenza a vita da un farmaco. Chiari segni di un impatto psicologico della malattia sulla qualità della vita.

Nonostante questa preoccupazione, sono 2 su 3 i pazienti che ammettono di non rispettare le indicazioni di cura del proprio medico. Gli stessi medici ritengono che 1 paziente su 2 (il 48%) abbia scarsa adesione alla terapia con levotiroxina.

Circa il 3% degli italiani è in terapia sostitutiva tiroidea. Poiché la media dell’età di inizio del trattamento è di poco superiore ai 40 anni, la terapia sostitutiva è destinata a influenzare il benessere della maggior parte dei pazienti ipotiroidei per un periodo di oltre 30 anni. Diversi studi evidenziano che in molti casi, la mancata risposta clinica alla terapia con levotiroxina possa dipendere da errate modalità di assunzione del farmaco.

Affinché la levotiroxina sia pienamente efficiente, si raccomanda di prenderla la mattina, a digiuno, e di attendere almeno 30 minuti prima di fare colazione. L’indagine però rivela che il 66% dei pazienti fa colazione prima dei 30 minuti raccomandati. Ben il 36% delle persone dichiara che aspettare i canonici 30 minuti pesa. 

Un avanzamento alla soluzione di questi problemi è rappresentato dalla formulazione orale liquida della tiroxina. Questo consente una netta riduzione dei tempi di attesa tra l’assunzione del farmaco e la prima colazione, essenziale per migliorare l’aderenza alla terapia. Infatti quando il cibo arriva nell’intestino tenue, l’assorbimento della tiroxina nella formulazione liquida è già in gran parte avvenuto.

Infine vanno considerate alcune condizioni più rare, ma da non sottovalutare: pazienti con disfagia o con idiosincrasia per l’assunzione di compresse, soprattutto bambini; pazienti con intolleranza per gli eccipienti e che presentano scarsa compliance per la terapia e pazienti alimentati per sondino naso-gastrico.
FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Indagine Doxa

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?

Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti