Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google
Sanihelp.it > Dieta > Articolo

Stanchezza e spossatezza: mal di primavera

di
Pubblicato il: 02-04-2013

Secondo uno studio in primavera le donne sono 6 volte più a rischio degli uomini di essere stanche e spossate: la buona tavola può aiutare a star meglio

Stanchezza e spossatezza: mal di primavera © Photos.com Sanihelp.it - Aprile dolce dormire, diceva un vecchio adagio confermato anche dalle evidenze scientifiche: secondo uno studio americano condotto fra persone di sesso maschile e femminile di età compresa fra i 25 e i 65 anni le donne 6 volte più degli uomini in primavera, si lamentano di stanchezza e spossatezza, mentre gli uomini lamentano soprattutto irritabilità e sbalzi di umore.

Perché la primavera si ripercuote in maniera così vistosa, negativa ma diversa su uomini e donne?
Secondo uno studio pubblicato sulla rivista Neurology con l’arrivo della primavera aumentano le ore di luce a disposizione, anche a causa dell’entrata in vigore dell’ora legale e il cervello deve abituarsi a questa invasione di luce e lo fa con un’alterazione dei livelli ormonali e della temperatura corporea è come se all’interno dell’organismo si scatenasse una vera e propria tempesta che si ripercuote, inevitabilmente, anche sull’umore, sull’irritabilità e sulla sensazione di stanchezza.

Tutta questa fenomenologia viene aggravata anche dalle instabilità metereologiche che possono accentuare soprattutto il mal di testa.

La primavera, inoltre, è la stagione dei pollini e tutti i pollini dispersi nell’aria possono scatenare le reazioni allergiche e tutto il corteo sintomatologico delle allergie non fa che accentuare irritabilità, stanchezza e sbalzi d’umore.

Come uscire da questo che sembra davvero un vicolo cieco?
Cercando di ritagliarsi un piccolo spazio per se stessi, praticando regolarmente attività fisica e scegliendo un’alimentazione sana ed equilibrata che privilegi frutta e verdura di stagione: sarebbe buona abitudine fare pasti frequenti, ma leggeri evitando soprattutto i cibi di difficile digestione.

È di grande beneficio per l’organismo consumare un frutto a colazione e come spuntino durante la mattina o come merenda nel pomeriggio; bisognerebbe bere, infine, almeno due litri di acqua al giorno: seguendo queste semplici regole sarà più semplice godere delle gioie della primavera.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Neurology

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti