Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Dipendenze: 8 malati su 10 soddisfatti delle cure

di
Pubblicato il: 02-05-2013
Sanihelp.it - Oggi la problematica delle dipendenze patologiche è sempre più complessa e articolata. Spiccano i consumi problematici di oppiacei, alcolici e psicostimolanti, in particolare il tabacco e la cocaina, oltre al forte incremento del gioco d’azzardo patologico. Si riduce l'assunzione di eroina per via iniettiva a favore e aumenta quella per via inalatoria. Di particolare importanza anche il fenomeno del consumo di psicofarmaci, prescritti e non.

Nel nostro Paese la risposta terapeutica al fenomeno delle dipendenze patologiche arriva dai SerT (o SerD), i Servizi pubblici per le dipendenze, nei quali operano oltre 7.000 professionisti con varie specializzazioni. La continuità assistenziale è garantita da una rete realizzata con altre strutture sia del SSN, sia con gli Enti Locali, le Comunità Terapeutiche, la Scuola, la Prefettura, il Volontariato.

 I 550 SerD presenti sul territorio lavorano in modo multidisciplinare, coordinati a livello di rete territoriale dai Dipartimenti delle Dipendenze. I flussi reali di pazienti annui nei Servizi sono quasi di 300.000 unità, con un incremento di nuove patologie, come quelle comportamentali.

Sull’efficacia delle attività svolte dai SerT, recenti dati mostrano come l’89% dei malati afferma di essere entrato in contatto facilmente con i servizi del proprio territorio e l’80% si dice soddisfatto del percorso di cura che sta seguendo al loro interno. Secondo i dati FeDerSerD, nel 2010 le cure erogate hanno prodotto almeno 34 milioni di giorni liberi da droga e un miliardo e 700 milioni di euro sottratti alla criminalità organizzata. 

Un tema cruciale è quello dei costi.  A fronte di un investimento di poco più di un miliardo di euro, il sistema di intervento si valuta porti a un risparmio superiore ai 6 miliardi, in termini di mancato acquisto di droghe e reddito di lavoro acquisito. Le buone cure portano quindi a 6 euro di beneficio per ogni euro investito. 

Lo sforzo futuro deve riguardare la governance complessiva del sistema di intervento, lo sviluppo di progettualità, il consolidamento di una rete territoriale finalizzata alla continuità assistenziale, che includa non solo i classici soggetti accreditati, ma anche, nel rispetto dei ruoli, i medici di medicina generale e le farmacie territoriali. Un nuovo strumento applicabile all’interno di questa strategia di potenziamento della rete è quello dei PDTI (Percorsi Diagnostico Terapeutici Integrati), già utilizzato per alcune patologie croniche molto diffuse nel territorio. 


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Media Tutorial Il sistema di cura delle dipendenze patologiche: un’eccellenza italiana, Milano, 16 aprile 2013

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti