Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Meno è meglio: uso dei corticosteroidi nella BPCO

di
Pubblicato il: 23-05-2013
Sanihelp.it - Cortisone per 5 giorni anziché per 14: secondo uno studio presentato al meeting annuale dell'American Thoracic Society ridurre il numero di giorni in cui si somministra cortisone ai pazienti con riacutizzazione della BPCO (Broncopneumopatia cronico-ostruttiva) sortisce gli stessi effetti della somministrazione protratta per 14 giorni, ma diminuisce l'incidenza di effetti collaterali.

Gli episodi di riacutizzazione della BPCO sono fra i principali motivi di ricovero ospedaliero negli Stati Uniti e in molti paesi europei e le linee guida raccomandano la somministrazione di prednisolone per 14 giorni.
Lo studio in questione, invece, è andato a vedere sosa succede somministrando la stessa dose di cortisone, ma solo per 5 giorni.

Lo studio è stato effettuato su 300 pazienti venuti all'attenzione degli studiosi a causa di riacutizzazione della BPCO: in modalità random i pazienti hanno ricevuto il cortisone o per 5 o per 14 giorni.
La riacutizzazione si è presentata entro 6 mesi in 56 dei pazienti trattati con cortisone per 5 giorni e in 57 dei pazienti che hanno assunto il cortisone per 14 giorni.
I pazienti che hanno assunto il cortisone per soli 5 giorni, però hanno evidenziato una netta riduzione degli effetti collaterali dovuti all'assunzione del farmaco stesso


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
WebMD Health News

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti