Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Utili consigli per il bucato e la casa

Casa igienizzata, bimbi protetti

di
Pubblicato il: 18-06-2013

Un'indagine rivela l'attenzione delle mamme per l'igiene domestica: un aspetto importante, se si considera che il 40% delle infezioni alimentari avviene dentro casa.

Casa igienizzata, bimbi protetti © Photos.com Sanihelp.it - Come sono cambiate le mamme in questi 40 anni? Quali sono le principali differenze tra due generazioni a confronto? Ce lo dice un’indagine di Gfk Eurisko promossa da Napisan.

Ieri come oggi, le mamme sono le principali manager di famiglia e casa. Per chi lavora o lavorava, c’è sempre un problema di conciliazione fra i due ambiti, sebbene adesso sia ancora più sentito (52% vs 47%), ma con qualche difficoltà in più: infatti una percentuale più alta che in passato (24% vs 12%) a volte non si sente all’altezza del ruolo di genitore.

Rispetto al passato, però, i mariti sono più collaborativi, dando una mano soprattutto nell’accudire i figli e nel fare la spesa (quasi 1 su 2). Pochissimi puliscono la casa e ancor meno fanno il bucato (5%), che continua a rimanere una prerogativa femminile. 

Sotto la pressione di molti imperativi, la sfida più impervia al giorno d’oggi è mantenere un certo equilibrio psico-fisico e da qui nasce la necessità di pensare un po’ più a se stesse, come afferma quasi il doppio delle mamme (45% contro il 21%) e impone di riordinare le priorità. È raddoppiata infatti la percentuale di mamme che dedicano solo 1-2 ore al giorno o anche meno alla gestione della casa, passando dal 3% delle mamme di ieri al 6% di quelle di oggi.

Le mamme di una volta erano anche più maniache dell’igiene o meglio così si definisce il 22% delle mamme di ieri, rispetto al 14% delle mamme di oggi. «Il tema dell’igiene della casa è sempre attuale - afferma il professor Carlo Signorelli, Vice Presidente SItI, Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica – e le mamme devono capire quali modi e strumenti sono appropriati per garantire una corretta igiene, senza eccessi ma anche senza omissioni».

Le mamme di oggi sono più attente all’igiene degli oggetti usati dai loro bambini e impiegano più prodotti igienizzanti per la loro pulizia (45% contro il 22%). Anche in merito all'uso di antisettici per il lavaggio delle mani, le mamme di oggi appaiono più scrupolose di quelle di ieri, utilizzano infatti con più frequenza prodotti specifici (76% contro il 55%).

«È compito degli esperti far comprendere ai cittadini l’importanza di una corretta igiene, sia personale sia domestica - prosegue l'esperto - dal lavaggio delle mani, alla corretta manipolazione degli alimenti fino all'igiene del bucato, soprattutto quando vivono in casa bambini piccoli. Viviamo infatti circondati dai microbi che crescono e proliferano su tutto quello con cui ogni giorno veniamo in contatto; dagli asciugamani alla biancheria intima, dalla tastiera del computer alle banconote al telefonino. Non sorprende, quindi, che le infezioni contratte in ambiente domestico rappresentino una problematica rilevante».

Secondo l'Oms, circa il 40% delle malattie infettive trasmesse attraverso gli alimenti si verificano in casa, per colpa soprattutto della scarsa igiene delle mani, degli utensili per la pulizia domestica e degli indumenti. Ecco di seguito alcuni semplici consigli. 

1. Asciugamani e accappatoi umidi rappresentano un terreno ideale per la proliferazione di microorganismi: è opportuno che ogni componente della famiglia usi il suo set di biancheria da bagno.
2. Svuotare subito la lavatrice quando termina il ciclo. La lavatrice può rappresentare un'incubatrice di batteri, soprattutto alle basse temperature oggi utilizzate per il risparmio energetico: al termine di un ciclo di lavaggio a 40°, restano nella lavatrice molti milioni di batteri che possono crescere e moltiplicarsi, favoriti dall’ambiente caldo-umido. 
3. Utilizzare prodotti igienizzanti che agiscono a bassa temperatura, per garantire la massima igiene del bucato, in particolare nel caso di indumenti contaminati da materiale organico.
4. I batteri proliferano nel bucato umido: è bene mettere la biancheria ad asciugare, appena terminato il ciclo di lavaggio.
FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Napisan

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?

Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti