Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Rughe: il botulino è sicuro ed efficace?

di
Pubblicato il: 24-06-2013
Sanihelp.it - Il professor Andy Pickett, uno dei padri scientifici della tossina botulinica in ambito estetico, ha recentemente preso posizione riguardo a questo farmaco che ancora suscita dubbi e perplessità presso il grande pubblico.

Ospite di Aiteb, Associazione Italiana Tossina Estetica Botulino, il professor Pickett ha detto: «L’impiego nella pratica clinica da oltre 20 anni ha permesso di costruire un’enorme banca dati relativa alla sua sicurezza ed efficacia. Le risposte sulla sicurezza dei prodotti e sull’efficacia dei risultati ottenuti sono ormai molto chiare. Con risultati riproducibili per tutte le donne».

Un comune pregiudizio cè che la sostanza induce un'espressione facciale rigida e ferma. Secondo i professori di Aiteb, è il contrario: l’uso professionale ed esperto della tossina botulinica conferisce al volto un aspetto naturale, rilassato e non rigido. Il risultato estetico ottimale dipende sempre dalla tecnica e dal dosaggio impiegati. 

La tossina botulinica, prosegue Pickett, è un farmaco sicuro ed efficace, usato a dosi corrette, e se impiegato da medici esperti, causa ben pochi effetti collaterali. Esistono 3 formulazioni per uso estetico autorizzate dall’Agenzia Italiana del Farmaco. Per avvelenare una persona con questo farmaco, si dovrebbero utilizzarne più di 60 fiale! 

La sicurezza e l'efficacia sono garantite e provate dalla ricerca medica e dall’esperienza clinica che iniziano fin dal 1989. Da allora la sostanza è diventata un trattamento di prima scelta dei disordini neurologici motori, come la distonia cervicale.

Molti pensano che il trattamento dia una paralisi permanente. In realtà il farmaco interferisce per un periodo solo limitato il rilascio delle sostanze mediatrici dell’impulso motorio tra nervo e muscolo. La fibra nervosa riprende la sua totale funzione senza essere minimamente danneggiata tra 4 e 6 mesi dopo il trattamento. 

I muscoli trattati con il farmaco si riprendono sempre e, se si vuole mantenere il risultato, il trattamento deve essere ripetuto nel tempo. Esiste la possibilità che la tossina migri in organi distanti dall’area trattata, giungendo fino al cervello? Tale eventualità è stata sollevata da uno studio pubblicato nel 2008. Ma i dosaggi utilizzati per l’indagine sui ratti erano estremamente elevati rispetto all’utilizzo in medicina e in estetica.

Il trattamento non dà assuefazione, il risultato dura da 4 a 6 mesi. È comprovato invece che la ripetitività, se pur a distanza, ne migliora l’efficacia e previene la formazione o l’aggravamento delle rughe di espressione.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Aiteb

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti