Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Boom allergie alimentari: in arrivo corsi per ristoratori

di
Pubblicato il: 03-07-2013
Sanihelp.it - Gli allergici a uno o più alimenti in Europa sono circa 17 milioni, e sono raddoppiati in 10 anni, ma finora nessuno si era mai preoccupato di dare loro indicazioni precise su che cosa fare o non fare per prevenirle, diagnosticarle, curarle e ridurre il rischio di shock anafilattici.

Ora il vuoto è stato colmato dalle prime Linee Guida al mondo ad affrontare la gestione delle allergie alimentari dalla A alla Z, presentate dall'European Academy of Allergy and Clinical Immunology (EAACI) durante il World Allergy Asthma Congress.

Il documento offre indicazioni utili per i pazienti e i ministri della salute europei, i medici e gli insegnanti, i produttori alimentari e i ristoratori; particolare spazio è stato dedicato alle donne in attesa, che per la prima volta hanno a disposizione indicazioni chiare e complete per la prevenzione delle allergie alimentari nei bambini.

Le Linee Guida EAACI sono formulate per porre dei punti fermi per la diagnosi e trattamento dell’allergie alimentare e delle reazioni allergiche gravi nonché per la prevenzione dell’allergia alimentare per la prima volta tutti gli esperti nel settore, sulla base dell'analisi di tutte le evidenze scientifiche raccolte a oggi, concordano su una serie di raccomandazioni per la gestione e la prevenzione delle allergie alimentari nei bambini.

Le allergie alimentari sono una vera emergenza: in continuo aumento, tanto che le ammissioni in ospedale per serie reazioni allergiche ai cibi sono aumentate di 7 volte in 10 anni. In Italia i pazienti sono circa 2 milioni, di cui 570.000 con meno di 18 anni.

Le linee guida raccomandano corsi di addestramento per tutti coloro che si occupano di ristorazione, al fine di ridurre, e soprattutto gestire, il rischio e le reazioni da shock anafilattico anche negli spazi pubblici.

Il documento è suddiviso in sezioni dedicate alla diagnosi, il trattamento, l'anafilassi, la prevenzione, la qualità di vita, le indicazioni per la comunità; l'obiettivo è costituire una piattaforma comune e condivisa di dialogo fra quanti devono gestire i pazienti e quanti possono prendere iniziative che incidano sulla loro vita, dai livelli di assistenza da garantire alla rimborsabilità di test diagnostici, terapie e prodotti speciali, dalle regole per l'etichettatura dei cibi agli standard di cura, dalla necessità di lavorare gli alimenti potenzialmente allergenici in aree e linee di produzione fisicamente isolate nelle aziende agli interventi educativi necessari per la gestione delle allergie alimentari.
FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Congresso Europeo di Allergologia

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?

Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti