Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

I risultati di un sondaggio

Guidare, che stress!

di
Pubblicato il: 02-07-2013

Un italiano su due prova ansia quando si mette al volante della propria auto e molti sono i sintomi con i quali il disagio si manifesta, dal mal di testa a una sensazione di confusione.

Guidare, che stress! © Photos.com Sanihelp.it - Il 48% degli italiani è vittima di stress durante la guida: il 37% sente un forte senso di irritazione, il 15% riferisce sudorazione alle mani, il 14% è sorpreso da attacchi di mal di testa, il 13% percepisce un aumento del battito cardiaco, il 6% dichiara nausea e confusione. Il ritratto degli italiani al volante è fornito da un sondaggio del Centro studi e documentazione di Direct Line, compagnia di assicurazione online. A esserne più colpiti, i giovani: chi ha meno di 25 anni sembra maggiormente in preda all’ansia.
Tra le maggiori cause di stress: guidare con la nebbia (65%), il traffico provocato dai mezzi pesanti (42%), i temporali estivi e le grandinate (41%) e la mancanza di illuminazione delle strade (30%).

A generare ansia e stress anche i comportamenti degli altri automobilisti, per esempio: i parcheggi in doppia fila, il mancato uso degli indicatori di direzione, la tendenza a buttare rifiuti dal finestrino, l’uso improprio del clacson, l’insicurezza alla guida. Il 47% degli automobilisti inoltre giudica pericolosi i comportamenti dei motociclisti, mentre il 41% degli intervistati trova stressanti i ciclisti disattenti.

Il sondaggio fornisce anche qualche curioso dato a livello regionale: la nebbia è fastidiosa soprattutto per i fiorentini, i torinesi non sopportano temporali e grandinate estive e sono anche i più colpiti dall’ansia. I veronesi riferiscono maggiormente un aumento di battito cardiaco, mentre i romani sono vittime di mal di testa più degli altri.
FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Adnkronos

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?

Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti