Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

11 milioni di italiani si curano così

L'omeopatia funziona: lo dice la scienza

di
Pubblicato il: 02-07-2013

L'efficacia dei farmaci omeopatici è verificabile? La risposta in un nuovo libro che racchiude studi e dimostrazioni scientifiche.

L'omeopatia funziona: lo dice la scienza © Photos.com Sanihelp.it - Giunto alla sesta edizione, riveduta e aggiornata, il libro Omeopatia-Omotossicologia. Le prove scientifiche (Guna Editore) si pone l’obiettivo di illustrare e far conoscere l’efficacia terapeutica dei medicinali omeopatici sia agli addetti ai lavori più scettici, sia a coloro che vogliono documentarsi su un argomento di stretta attualità e di interesse sempre maggiore, come confermano gli 11 milioni di italiani che utilizzano con successo farmaci non convenzionali per curare e prevenire malattie, e soprattutto i 20.000 medici iscritti all’Albo che – con un atteggiamento complementare - li prescrivono. L’Associazione Medica Italiana di Omotossicologia (A.I.O.T.) ha  collaborato ai contenuti.

Il volume è suddiviso in tre aree: la prima analizza una parte della vasta produzione di studi farmacologici in vitro, in vivo e intra vitam, relativi all’attività biologica di medicinali omeopatici. Sono stati analizzate 142 ricerche di base secondo metodologie sperimentali di qualità pubblicate, tra le altre, su 21 testate scientifiche internazionali non omeopatiche tra cui British Journal of Clinical Pharmacology, International Journal of Neurosciences.

La seconda parte è dedicata alla classificazione e analisi delle migliori pubblicazioni in campo clinico: studi clinici sull’uomo, raggruppati per apparati e patologie, controllati e versus placebo o versus farmaco allopatico corrispondente di riferimento, molti dei quali pubblicati su accreditate riviste mediche internazionali non omeopatiche come American Journal of Pain Management, Pediatric Nephrology.

L’ultima parte è un’analisi sinottica di 13 studi clinici, scelti tra quelli che prevedono il confronto tra un medicinale omeopatico - omotossicologico e il farmaco allopatico corrispondente di riferimento, coerentemente con la dichiarazione di Helsinki che sosteneva che un metodo nuovo sull’efficacia farmacologica dovrebbe essere valutato versus i metodi preventivi, diagnostici e terapeutici già comprovati.
Dagli studi e dalle ricerche proposte nel volume emerge che generalmente l’effetto terapeutico del medicinale omeopatico o omotossicologico è quanto meno sovrapponibile a quello del farmaco allopatico corrispondente utilizzato per la stessa patologia, ma - a differenza di quest’ultimo - il medicinale omeopatico-omotossicologico non provoca gli effetti collaterali negativi che il farmaco allopatico spesso rischia di indurre nell’organismo.

«Le evidenze scientifiche a comprova dell’efficacia dell’omeopatia ci sono e sono facilmente accessibili – ha dichiarato Alessandro Pizzoccaro, Presidente del CdA di GUNA e membro del Direttivo dell’Associazione di categoria Omeoimprese – e questo volume vuole dimostrare come i medicinali low-dose producano effetti terapeutici certi, basati su evidenze scientifiche e sulla Good Clinical Experimental Practice. 

Coloro che continuano a screditare questi farmaci sono mossi prevalentemente da pregiudizi ideologici, come conferma la decisione dell’Agenzia Italiana del Farmaco di voler regolarizzare la situazione italiana in questo settore, dando finalmente piena attuazione a una direttiva europea».


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Guna

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti