Le parole pi¨ cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Malattie della tiroide: è importante la località di vacanza

di
Pubblicato il: 08-08-2013
Sanihelp.it - In estate, con il caldo e l’afa, aumentano i disagi e le sofferenze di chi è afflitto da disturbi endocrini come le disfunzioni della tiroide. Sono oltre 6 milioni gli italiani colpiti da queste malattie. 

Per un malato di ipotiroidismo il mare può essere un ottimo e prezioso alleato della salute: sulle coste l’aria è solitamente meno inquinata e, anche grazie al cosiddetto aerosol marino, contiene maggiori quantità di iodio. I raggi solari, il vento, la temperatura e l’umidità portano ottimi benefici a chi ha una tiroide che funziona troppo poco.

Chi invece è affetto da ipertiroidismo è preferibile che trascorra una vacanza dove il clima è più mite e la presenza di iodio nell’aria minore. Per questo l’ideale è una località montana di quota modesta.

L’Italia è uno dei Paesi più colpiti al mondo da disfunzioni tiroidee. Le zone più esposte sono il Lazio, la Lombardia e il Piemonte, tutte località distanti dal mare e con un’atmosfera povera di iodio.

Un altro fattore di prevenzione e cura dell’ipotiroidismo è rappresentato dalla dieta che si può seguire in una località balneare. L’organismo per poter funzionare bene ha bisogno di circa 150-200 microgrammi di iodio al giorno, pari alla quantità che eliminiamo quotidianamente con le urine. L’apporto principale avviene attraverso l’assunzione di acqua, elementi addizionati con iodio (sale), e una dieta ricca cibi che lo contengono come frutti di mare, crostacei, alghe e pesce (preferibilmente quello azzurro).

Anche la frutta e la verdura coltivate nelle zone costiere, presentano maggiori quantità di questo minerale rispetto a quelle provenienti dall’entroterra. Infine, per un buon funzionamento della ghiandola tiroidea, non bisogna dimenticare l’importanza dell’attività fisica anche durante le vacanze. Basta fare una passeggiata o una corsetta di 20-30 minuti sulla spiaggia tutti i giorni per restare in forma e respirare un po’ di aria buona e ricca di iodio.

Le patologie della tiroide presentano una maggiore incidenza tra la popolazione femminile. Possono avere ricadute sulla salute riproduttiva e causare infertilità, fallimento della fecondazione in vitro, o creare problemi durante la gravidanza. Nel corso della vita una donna ha il 20% di possibilità di sviluppare una di queste malattie. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità oltre un miliardo di persone ne è colpito e un neonato ogni 3 mila viene al mondo con una malattia tiroidea. 
FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Fondazione IBSA per la Ricerca Scientifica

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?

Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti