Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Il consumo di alcol favorisce lo sviluppo di cancro al seno

di
Pubblicato il: 30-08-2013
Sanihelp.it - Il consumo di alcol nelle donne è considerato dall’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro una causa diretta dello sviluppo di carcinoma mammario, una formazione di tessuto costituito da cellule che crescono in modo incontrollato e anomalo all’interno della ghiandola mammaria.
 
Lo studio condotto da Graham Colditz, ricercatore presso la Scuola di Medicina della Washington University, ha coinvolto più di 91.000 donne senza storia di familiarità per il tumore, a cui sono stati sottoposti test periodici relativi al consumo di alcol in determinate fasce di età. La ricerca ha coperto uno spazio temporale di vent’anni, prendendo avvio nel 1989 e terminando nel 2009.
 
I risultati dello studio, pubblicati sul Journal of The National Cancer Institute, hanno confermato che ogni 10 grammi di alcol consumato quotidianamente, il rischio di sviluppare un tumore al seno nel periodo che intercorre tra il menarca (la prima mestruazione) e la prima gravidanza, aumenta dal 7 al 10%.  
 
Inoltre è stato rilevato che tanto più tempo trascorre tra menarca e prima gravidanza, quanto maggiore è il rischio per una donna di sviluppare il cancro al seno.
Durante questi due importanti eventi riproduttivi infatti, il tessuto del seno conosce una rapida proliferazione cellulare, un naturale processo fisiologico che permette la rigenerazione dei tessuti tramite la divisione della cellula genitore in due o più cellule figlie.  
Anche nel periodo che intercorre tra il menarca e la prima gravidanza, le cellule del tessuto mammario crescono e si dividono in modo ordinato: talvolta però questo processo si trasforma in una proliferazione incontrollata, che dà luogo alla formazione di una massa di tessuto aggiuntivo chiamato tumore.
Il rischio di una proliferazione incontrollata rimane più consistente fino alla prima gravidanza, quando la differenziazione terminale sancisce la cessazione dell’attività proliferativa.
 
In conclusione, essendo l’intervallo di tempo tra il menarca e la prima gravidanza un momento in cui il tessuto del seno è particolarmente vulnerabile a stimoli cancerogeni, il consumo di alcol favorisce la proliferazione cellulare attraverso l'azione degli estrogeni, ormoni che svolgono una funzione fondamentale nel mantenimento e nello sviluppo dei caratteri sessuali femminili, e che stimolano la crescita delle cellule cancerogene presenti nel tumore, non riconoscendole come maligne.
 
Insomma, prestare attenzione alla quantità di alcol che si assume giornalmente, può essere già un primo importante strumento di prevenzione contro il cancro al seno. Consumarne poco, sarebbe ancora meglio.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Journal of the National Cancer Institute

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti