Le parole pi cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Bisturi o punturina? 4 domande da farsi prima di scegliere

di
Pubblicato il: 16-09-2013
Sanihelp.it - Quando si decide di ringiovanire e si deve scegliere tra chirurgia e medicina estetica, Aicpe, l'Associazione Italiana di Chirurgia Plastica Estetica, suggerisce di porsi, e di porre al proprio chirurgo plastico, alcune domande.

Il primo punto da chiarire è quali risultati si desiderano ottenere: «Oggi tutte le tecniche, chirurgiche e non, promettono risultati naturali - afferma il presidente di Aicpe, Giovanni Botti - Attenzione però, perché anche le scoperte sull'invecchiamento stanno facendo passi avanti: anni fa si credeva che per spianare le rughe fosse necessario tirare i tessuti; in un secondo momento si è capito che era necessario anche riempire le zone svuotate dall'invecchiamento.

Oggi le nuove scoperte hanno evidenziato che più gonfi non significa più giovani: bisogna anche riposizionare i tessuti a livello profondo, per ottenere risultati più naturali. E questo è possibile solo con il lifting».

La seconda domanda da farsi è quanto tempo deve durare il risultato. «Se si vuole una soluzione definitiva, o che duri per molti anni, il bisturi è la scelta giusta - spiega il presidente di Aicpe -. Se invece si è disposti a fare visite periodiche al chirurgo plastico, destinate a diventare sempre più frequenti perché l'invecchiamento sarà sempre più evidente, allora si può arginare con le tecniche mini-invasive».

Un altro quesito da porsi è quanto tempo si è disposti a dedicare alla convalescenza. «Quando ci si sottopone a un'operazione chirurgica è necessario programmare un periodo di assenza dal lavoro - prosegue Botti -. Se non si ha questa possibilità, le soluzioni non chirurgiche come botulino o acido ialuronico possono andare bene».

Ulteriore aspetto, il costo: un intervento di chirurgia plastica ha prezzi più alti rispetto alla medicina estetica. Bisogna però fare altre considerazioni: «Le cosiddette punturine di botulino e acido ialuronico o i trattamenti mini-invasivi hanno risultati limitati e sarà necessario ricorrere più spesso e in modo più incisivo per contrastare l'invecchiamento, con costi più ridotti ma continui e prolungati nel tempo. Capita spesso che, dopo anni di medicina estetica, ci si decida per il lifting».


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Associazione Italiana di Chirurgia Plastica Estetica

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti