Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Da New York, la mostra «Il cervello: istruzioni per l'uso»

di
Pubblicato il: 18-10-2013
Sanihelp.it - Apre oggi a Milano presso il Museo Civico di Storia Naturale, la mostra «Brain. Il cervello: istruzioni per l’uso», occasione imperdibile per visitare l’unica tappa italiana di una grande esposizione a carattere internazionale proveniente direttamente dall’American Museum of Natural History di New York.

L’evento, promosso dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Milano e accessibile fino al 13 aprile 2014, presenta un coinvolgente allestimento di giochi, filmati e installazioni, che guideranno i visitatori alla scoperta della complessa struttura del cervello umano e delle sue prodigiose funzionalità.

Dopo un’introduzione al percorso con la visione di un cervello umano conservato, la mostra prosegue con un’imponente installazione di Daniel Canogar che raffigura, tramite un sistema luminoso, l’attività dei neuroni: l’opera è stata creata utilizzando esclusivamente materiali riciclati ed è composta da quasi settecento chili di fili elettrici appesi a una struttura che si estende per oltre dieci metri.
 
L’iter si snoda quindi attraverso le restanti sei sezioni:

- il «teatro introduttivo», dove una proiezione video mostra la connessione tra le attività motorie e cerebrali di una ragazza impegnata in un provino di ballo;

- il «cervello sensibile», sezione in cui le aree sensoriali del cervello (dedicate all’udito, all’olfatto, al gusto, alla vista e al tatto) sono sollecitate grazie a una serie di esperienze interattive;

- il «cervello emozionale», dove il visitatore può confrontare la struttura del cervello umano con quello delle lucertole, dei mammiferi e dei primati;

- il «cervello pensante», che permette di accedere all’interno di una stanza-cervello dove sono raffigurate le sedi dei vari tipi di intelligenza;

- il «cervello mutevole», parte della mostra dedicata allo straordinario percorso di sviluppo del cervello nel corso della vita e alla sua incredibile capacità di riorganizzarsi.

- il «cervello del futuro», dove sono esposte e spiegate una serie di avanzate tecnologie che condizionano (con diverse finalità) l’attività cerebrale, per esempio gli elettrodi che permettono di tenere sotto controllo gli attacchi epilettici, le stimolazioni elettriche dirette utilizzate per la cura di pazienti affetti dal morbo di Parkinson, le interfacce cervello-computer che aiutano le persone inferme a comandare dei dispositivi a controllo computerizzato, e molto altro ancora.

Il percorso della mostra si chiude con la proiezione di risonanze magnetiche appartenenti a quattro persone: un’interprete delle Nazioni Unite che passa incessantemente dall’arabo all’inglese, un musicista di musica classica, una rock star e un giocatore di basket. Tramite l’osservazione delle immagini che riprendono l’attività cerebrale dei personaggi nel pieno svolgimento delle loro azioni, i visitatori possono quindi intendere come potrebbe funzionare il loro stesso cervello in situazioni analoghe.

Insomma, un’ottima occasione rivolta a grandi e piccini per scoprire la struttura e le funzionalità di un organo straordinario, che ancora oggi lascia aperti grandi misteri, possibilità e prospettive.
FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
www.mostrabrain.it

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?

Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti