Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

La memoria e la glicemia: quale rapporto?

di
Pubblicato il: 25-10-2013
Sanihelp.it - Secondo uno studio recentemente pubblicato sulla rivista Neurology più bassi sono i livelli di glucosio nel sangue migliori sono le prestazioni mnemoniche anche ad una certa età.

Lo studio ha incluso 141 persone, di età media 63 anni, nessuno affetta da diabete e neppure con una cattiva tolleranza al glucosio; nessuno di questi volontari era in sovrappeso, nessuno era solito ad un consumo eccessivo di alcol e nessuno di loro aveva problemi di memoria.
Tutti i volontari sono stati sottoposti a dei test cognitivi e a delle scansioni cerebrali.

Ne è emerso che tanto più bassa si è rivelata la loro glicemia, anche se tutti i pazienti avevano una glicemia nella norma, tanto migliori si sono rivelate le performance cognitive.
Le persone con la glicemia più bassa, inoltre, hanno evidenziato un’amigdala più grande e questa struttura cerebrale è fortemente connessa con i processi cognitivi e nelle persone con problemi di memoria, di solito, tende a rimpicciolire.
Per mantenere bassa la glicemia è indispensabile una dieta appropriata e tanto esercizio fisico. 
FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
HealthDay news

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?

Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti