Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Reality Dieta 4: buone notizie!

di
Pubblicato il: 19-10-2004

Dopo la delusione della visita di controllo sono riuscita a tornare in carreggiata, e con un nuovo sport. Un mese è volato e la dieta continua...ci vediamo nel forum!

Sanihelp.it - Questa volta ce l’ho fatta, durante la settimana non ho mai sgarrato.
E i risultati si vedono: complice un’influenza che mi ha steso a letto per tre giorni azzerando la fame, questa mattina ho notato con soddisfazione che l’odiato rotolino mi sta abbandonando.

Presa dalla gioia gli ho anche promesso una festa di addio per quando sarà scomparso… dopo tutto ci conosciamo da tanto tempo!

Intanto il primo mese di dieta sta per finire, e voglio azzardare un mini-bilancio.

Per prima cosa ho notato che con il passare delle settimane dimagrire è sempre più difficile.
La spiegazione sta nel fatto che il mio metabolismo, già lento come una tartaruga, si sta abituando a questo regime ipocalorico e smaltisce meno.

Dall’altra parte, però, devo ammettere che mangiando in modo più sano mi sento meglio: niente pancia gonfia, via l’effetto macigno nello stomaco, e soprattutto si è ridotta la voglia di dolci. Se non me li trovo davanti ora ne posso fare tranquillamente a meno!

Non ho ancora imparato, è vero, a guardarli come fossero un piatto di spinaci, però ho trovato un compromesso: resisto durante la settimana, ma la domenica mi concedo i pasticcini del nonno.
Forse i fortunati che non hanno problemi di linea sorrideranno davanti a queste piccole rivincite, ma chi come me è nato con una costituzione che punisce ogni eccesso sa quanta soddisfazione possa dare aprire il pacchetto della pasticceria, vedere lì in fila i cannoncini dorati con la crema appena fatta, pregustarne il sapore… e poi spazzolarne due sapendo che te li sei meritati!

Chi dice che la dieta toglie il piacere per il cibo probabilmente lo dice perché non è a dieta, e si perde queste degustazioni degne del Cucchiaio d’Argento.
Comunque non divaghiamo altrimenti qui torna la fame… parliamo di sport! Ovvero, cosa si arriva a fare per bruciare in fretta quante più calorie possibile.

Io non ho pudore: pur di eliminarne 750 in un’ora, giovedì sera eccomi a lezione di viet vo dao, un’arte marziale vietnamita che è quanto di più lontano dal mio vecchio corso di step, ma che promette di rassodare, tonificare e magari anche insegnare a combattere.

«Meglio di così», mi dicevo per vincere la timidezza, «ci si può anche sfogare dello stress della giornata!».
Dopo mezz’ora di riscaldamento ero già a pezzi, ma il peggio l’ho raggiunto con la preparazione delle prime mosse: capriole avanti e indietro che non facevo dai tempi dell’asilo, piegamenti e mosse delle braccia stile tartarughe ninja… chissà quante risate si sono fatti i miei colleghi che hanno assistito alla scena!

Il giorno dopo, naturalmente, non avevo un solo muscolo che non mi facesse male.
Già arresa? Neanche per sogno! Io non mollo, e ho i miei motivi: presto quando sarò in un locale all’ora dell’aperitivo, e qualcuno abbuffandosi di pizzette mi prenderà in giro per le mie carotine, lo potrò stendere con un phi truc cuoc (calcio laterale in volo)… oltretutto si smaltisce l’aperitivo in un attimo!


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Redazione Sanihelp.it

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti