Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Per purificare la pelle e ridurre le imperfezioni

Brufoli e acne? L'aiuto dei cosmetici

di
Pubblicato il: 10-12-2013

L'acne è una malattia e va curata con i farmaci. I dermocosmetici, però, sono un valido alleato per alleviare i fastidi dei farmaci e migliorare l'aspetto della pelle.

Brufoli e acne? L'aiuto dei cosmetici © Photos.com Sanihelp.it - L’acne non è (più) una cosa da ragazzi. Sempre di più persiste anche oltre l’età adolescenziale, tanto che oltre 19 milioni di adulti, esattamente la metà degli italiani di età compresa tra i 15 e i 64 anni, sono potenzialmente a rischio. Lo rivela la professoressa Gabriella Fabbrocini, docente di dermatologia e venereologia all’Università Federico II di Napoli, membro dell’Italian board dell’Acne Day 2013.

Se è vero che questa patologia della pelle interessa più dell’80% degli adolescenti italiani, è un dato di fatto che il disturbo continui a manifestarsi anche in età adulta interessando fino al 50% della popolazione. Un trend, questo, che trova riscontri anche all’estero.

Molti pensano che passerà da sola e non fanno nulla. L’acne invece è una malattia vera e propria e richiede trattamenti farmacologici, sia locali (creme, gel, unguenti) che, nei casi più seri, per bocca.

E la dieta? «Che ci sia una relazione tra l’acne e l’alimentazione – spiega la dermatologa - è noto da alcuni anni: uno studio sottolinea che l’acne è una condizione rara nelle società con più alto consumo di acidi grassi omega-3, piuttosto che omega-6. La somministrazione dei primi sotto forma di olio di pesce, infatti, può sopprimere la produzione di citochine infiammatorie e quindi ridurre la gravità dell'acne. Inoltre è importante mangiare alimenti ad alto contenuto di vitamina A, vitamina D e zinco, mentre latticini e dolci devono essere limitati». «L’acne non è un mero problema estetico ma una malattia, con importanti implicazioni estetiche – conferma Giuseppe Monfrecola, Professore ordinario di Dermatologia dell’Università di Napoli Federico II - Va curata dallo specialista in ogni sua fase, per evitare che le lesioni o i residui cicatriziali possano influenzare negativamente la qualità della vita». 

E i dermocosmetici? Svolgono un ruolo importante, sia che si rivolgano al trattamento di acne leggera, sia che coadiuvino una terapia farmacologica nel trattamento delle forme più severe.

Alla base del trattamento cosmetologico dell’acne troviamo innanzitutto prodotti di igiene specifici, sotto forma di gel, mousse, acque micellari o creme, delicati e non aggressivi, adatti ai particolarismi della pelle a tendenza acneica e alle modificazioni legate alle cure farmacologiche, causanti secchezza cutanea e irritazione.

Come complemento, è indispensabile un prodotto dermocosmetico che abbia proprietà purificanti e disinfettanti, ma anche qualità immediate di gradevolezza cosmetica: deve essere non untuoso e non lasciare residui sulla pelle. Deve controllare l’iperseborrea, svolgere un’azione cheratolitica, antinfiammatoria, idratante a lunga durata. Meglio se testato scientificamente su pelli a tendenza acneica.

Possono completare la beauty routine: un trattamento d’emergenza per le imperfezioni (in stick, tubetto o roll on), una maschera (da fare una volta alla settimana) e un prodotto solare, sempre specifico per questo tipo di pelle. E il make up? È concesso, anzi consigliato. Basta usare prodotti non occludenti e non comedogenici e ricordarsi di struccarsi tutte le sere. 


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Cartelle stampa prodotti

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti