Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Dall'alimentazione alla fitoterapia

Ansia: consigli e rimedi per gestirla

di
Pubblicato il: 28-01-2014

Respirazione, pensieri positivi, esercizio fisico, giusta alimentazione e rimedi fitoterapici: ecco alcuni degli ingredienti per contrastare l'ansia.

Ansia: consigli e rimedi per gestirla © Photos.com Sanihelp.it - Battiti cardiaci accelerati, tremore, mani che sudano: sono solo alcuni dei sintomi che caratterizzano la sensazione di ansia tipica di alcuni momenti della vita; le occasioni che possono innescarla sono molteplici, in molti casi però si manifesta di fronte a una situazione di stress o di agitazione come un esame, il dover parlare in pubblico, la gestione di un problema che preoccupa etc. In questi casi, secondo la life coach Lucia Giovannini, è consigliabile adottare alcune mosse per imparare a gestire questa sensazione, magari passeggera, ma che può compromettere la serenità.

Respirare. Quando siamo in preda all’ansia, molto spesso ci sembra di non avere abbastanza ossigeno, che ci manchi l’aria. Fermati. Fai uno, due, tre respiri profondi. Espira immaginando che quello che provi esca e inspira immaginando che, insieme all’aria, entrino gioia, tranquillità, pace, relax. Respirare lentamente riduce i battiti cardiaci, porta più ossigeno al cervello, aiutandoci a pensare in modo più chiaro e obiettivo, riportandoci dolcemente nel momento presente. La respirazione consapevole è uno strumento formidabile che può essere utilizzato in qualsiasi momento e in qualsiasi luogo indipendentemente da dove ci troviamo.

Accettare senza giudicare. Quando sentiamo che l’onda emoriva sta per investirci, non giudichiamo, accettiamo semplicemente quest’emozione e poi lasciamola andare. Se nel momento in cui l’onda emotiva ci investe riusciamo per un attimo a rallentare i pensieri e a osservarci, noteremo che le emozioni, paura inclusa, nascono, arrivano all’apice e poi, se smettiamo di alimentarle, si placano da sole. Più volte durante la giornata fermati e chiediti: Che emozione sto provando ora? In quale stato d’animo sono? Quali sono i pensieri che nutrono questo stato d’animo? Cosa mi sta segnalando questa emozione? In che direzione mi sta portando questo stato d’animo? È la direzione in cui voglio andare?Visualizzare la vittoria. Se devi affrontare un evento che ti mette ansia (un esame, una presentazione in azienda, una perfomance sportiva, etc) usa la tecnica della visualizzazione creativa. L’immaginazione ci permette di vivere in anticipo determinate esperienze e allenarci per affrontarle al meglio. Il principio della visualizzazione creativa si basa sul fatto che per la nostra mente inconscia non esiste differenza tra qualcosa di realmente vissuto e qualcosa di vividamente immaginato: in entrambi i casi si creano delle nuove sinapsi. Immagina di aver già concluso l’esperienza con successo: lasciati inondare dalle sensazioni e dalle emozioni positive. Per beneficiare al massimo di questa tecnica, occorre praticarla con costanza. Una cosa che ti faciliterà è il rilassamento. Corpo e mente vivono in strettissimo collegamento: quando uno si distende, anche l’altro ne trae beneficio. È importante fare delle brevi visualizzazioni, bastano anche 2-3 minuti per volta e ripeterle spesso nel corso della giornata.

Positività. Pensa e parla positivo. Il linguaggio ha la magica capacità di alterare la nostra percezione: pensiamo attraverso le parole e queste stesse parole hanno il potere di imprigionarci o renderci liberi, di farci vivere nell’ansia e nella paura costante o di evocare il coraggio e la vitalità. Quali sono i tuoi pensieri/credenze negativi più ricorrenti? Se non ne sei ancora consapevole, ascoltati: quando parli al telefono o con gli amici come racconti la tua giornata, la tua storia, la tua vita? Sostituisci il tuo linguaggio distruttivo (È difficileNon sono all’altezza, Sono terrorizzatoNon c’è niente da fare) con un linguaggio costruttivo (Non è facileMi merito il meglioSono molto spaventato, cosa posso fare?).Esercizio fisico. Numerose ricerche scientifiche hanno dimostrato come chi fa regolare esercizio fisico sia più protetto contro crisi di ansia e di paura e anche il suo sistema immunitario funzioni meglio. Quello che conta è la costanza. Scegli un’attività che ti piace e ti fa stare bene e cerca di praticarla almeno per venti minuti tre volte a settimana. Inizia gradualmente con dolcezza e lascia che sia il tuo corpo a guidarti.

Mangiare bene. Diversi studi scientifici hanno dimostrato come l’alimentazione incida sul nostro carattere: si è scoperto che chi consuma regolarmente carne rossa tende ad avere reazioni più aggressive e che gli zuccheri raffinati prosciugano dal corpo preziose vitamine e minerali e producono una condizione di continua iperacidità. Questo a sua volta induce sonnolenza, difficoltà di concentrazione, irritabilità, riduzione della memoria. In altre parole rendono la mente ancora più instabile (e quindi più incline all’ansia) e ne diminuiscono le potenzialità. Alimentarsi regolarmente con cibi ricchi di queste sostanze è come immettere dei virus nel computer di bordo. Non è necessario diventare vegetariani e abolire totalmente la carne e neanche rinunciare ai dolci, ma occorre prestare più attenzione a quello che mangiamo.Come suggerisce il dottor Fabio Firenzuoli, esperto in fitoterapia e fitovigilanza nel suo volume Erbe, Istruzioni per l'uso edito da Tecniche Nuove, quando l'ansia non è grave e invalidante anche la fitoterapia può essere di aiuto. La Passiflora, per esempio sotto forma di tisana, è utile nelle manifestazioni ansiose con somatizzazioni a carico dell'apparato digerente (spasmi, dissenteria). Per un trattamento prolungato invece meglio in capsule o compresse.

Chi invece soffre di attacchi di panico può trarre beneficio dall'Iperico, pianta ormai nota anche a molti psichiatri, in grado di aumentare il livello di alcuni neurotrasmettitori nelle strutture cerebrali, come serotonina, dopamina e noradrenalina.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Comunicato stampa Lucia Giovannini e Erbe, Istruzioni per l'uso di Fabio Firenzuoli (Tecniche Nuove)

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
1.28 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti