Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Chirurgia estetica

Il bisturi in vista dell'Oscar

di
Pubblicato il: 25-02-2014

Gli attori si rifanno il look in occasione della cerimonia di consegna della prestigiosa statuetta, il prossimo 2 marzo. Non solo trucco e parrucco, ma anche chirurgia plastica.

Il bisturi in vista dell'Oscar © Photos.com Sanihelp.it - Per le star il chirurgo estetico non è più solo medico, ma un vero e proprio consulente di immagine: «Le celebrities vengono per chiedere consiglio, o per sottoporsi a veri e propri interventi, prima di recarsi ad un casting, oppure, in seguito ad una bocciatura, per prepararsi alle prossime audizioni: sono gli stessi casting director a volte che consigliano ad attori/attrici di sottoporsi a specifici trattamenti, per migliorare il proprio aspetto» rivela il dottor Renato Calabria, chirurgo plastico che opera proprio tra Milano, Roma e Hollywood. 
 
Ed ecco che in vista della notte più importante per le stelle del cinema, la consegna degli Oscar, le star si rivolgono al chirurgo per ottenere un aspetto ringiovanito e fresco e non sfigurare. Il trend è quello di un look naturale, di un ritocco che c’è ma non si vede, con interventi meno invasivi ma precoci, da fare prima che il look cambi drasticamente: il 95% degli attori dopo i 40 anni si è sottoposto almeno ad un intervento, anche se per l'80% non è riconoscibile.Sembra che Sandra Bullock, candidata all’Oscar come miglior attrice per il film Gravity, si sia sottoposta a sessioni di liposuzione e a qualche punturina di riempitivi per eliminare rughe dalla fronte e avere labbra carnose. E si mormora che anche Meryl Streep, candidata come miglior attrice per il film I
segreti di Osage County
, abbia ceduto al bisturi, ma solo per eliminare le borse sotto gli occhi, senza un vero e proprio lifting estremo.
 
«La bravura di un chirurgo deve passare inosservata, non deve esserci differenza tra il prima e il dopo. Anche per questo è necessario sottoporsi ad un intervento chirurgico verso i 45-50 anni, quando i tessuti sono ancora elastici e più reattivi e si ottengono risultati più naturali e duraturi» spiega il chirurgo. «Inoltre ad ogni età, l'approccio di ringiovanimento o mantenimento dell'immagine è completamente differente: un attore come Dustin Hoffman, che negli ultimi tempi interpreta ruoli maturi, mai più vorrà fare un lifting ringiovanente al viso, ma preferirà un approccio di mantenimento, al contrario un'attrice che ha sempre avuto parti più sbarazzine, sentirà l'esigenza di mantenere un look giovane e fresco».
FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
comunicato stampa

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
1.11 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?

Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti